Riparte la spesa per la cultura | T-Mag | il magazine di Tecnè

Riparte la spesa per la cultura

Bene musei, teatri e cinema. Male l’editoria

libriCon l’allentamento della crisi economica anche i comparti legati alla cultura hanno ricominciato a respirare. Ma, mentre cinema e musei mettono a segno buoni risultati, l’editoria non riesce proprio a tornare a galla. Stando ai dati contenuti nell’Annuario statistico dell’Istat, nel 2014 la spesa totale delle famiglie per la ricreazione e la cultura è tornata a crescere, attestandosi a 65.420 milioni di euro, contro i 64.788 milioni del 2013, i 68.429 del 2012, i 72.127 del 2011 ed i 70.589 del 2010.
Tuttavia la spesa delle famiglie italiane per libri e giornali rimane ancora bassa. A fronte dell’aumento dei prezzi al consumo di libri, giornali e articoli di cancelleria – pari al 9% – registrato tra il 2010 ed il 2014, la spesa per questo genere di prodotti ha registrato un calo più consistente rispetto alla contrazione della spesa complessiva di beni e servizi. I dati dell’Istat indicano per la spesa complessiva un calo di sei punti percentuali contro il -18% di quella per i libri e il -31% di quella per giornali, periodici e articoli di cancelleria (l’Istituto di statistica sottolinea che il calo non è attribuibile alla diffusione degli ebook, in quanto ne usufruisce solo il 16% degli italiani).
Che il settore non se la passi bene lo certifica anche il calo riportato dal numero degli occupati. Gli ultimi dati disponibili (relativi al 2013) parlano di una contrazione pari all’11% rispetto al 2000, da 51.400 a 45.900 addetti. Secondo quanto registrato invece dalla Siae, il 2015 è stato l’anno della svolta per il cinema, il teatro, i concerti, le mostre e le esposizioni. In generale, nei primi sei mesi dell’anno appena concluso, il volume d’affari è cresciuto dell’11,46%, la spesa al botteghino è invece aumentata del 5,67%, mentre quella del pubblico in generale ha riportato un +9,73%.
Analizzando le singole tipologie, per il cinema la Siae segnala un +9,26% per la spesa al botteghino, un +10,88% per la spesa del pubblico ed un +10,88% per il volume d’affari. Ottime performance hanno interessato anche l’attività teatrale (spesa al botteghino +4,28%, spesa del pubblico +5,91%, volume d’affari +5,85%) e il settore delle mostre e delle esposizioni (spesa al botteghino, +3,52%, spesa del pubblico +22,18% e volume d’affari +21,87%).
Lo stesso ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Dario Franceschini, ha recentemente presentato i risultati messi a segno dai musei italiani, segnalandoli come i “migliori di sempre”: stando ai dati, i visitatori dei luoghi della cultura italiani sono stati 43 milioni generando incassi per 155 milioni di euro, il 14% in più rispetto al 2014.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Stati Uniti pensano a nuove misure per i viaggi

Gli Stati Uniti starebbero pensando a nuove misure per chi viaggia all’estero, in seguito ai timori sulla variante Omicron del coronavirus. Secondo il Washington Post,…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Von der Leyen: “E’ tempo di discutere sull’obbligo vaccinale”

“Fino a due o tre anni fa non lo avrei mai pensato ma è tempo di discutere sull’obbligo vaccinale”. Lo ha detto la presidente della…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Omicron, Ue: “Non sappiamo tutto ma abbastanza da preoccuparci. E’ una corsa contro il tempo”

“Ringrazio il Sudafrica per la velocità con cui ci hanno avvertiti su Omicron. Ci hanno dato l’opportunità di agire velocemente. Ogni giorno conta in questa situazione. L’Oms…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Honduras, Stati Uniti si congratulano con Xiomara Castro

Gli Stati Uniti, attraverso le parole del Segretario di Stato, Antony Blinken, si sono congratulati con la candidata presidenziale del Partito Libertad y Refundacion, Xiomara…

1 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia