I ricavi delle telecomunicazioni in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I ricavi delle telecomunicazioni in Italia

internetNon sono cinque anni di successi, quelli tra il 2010 ed il 2014, per il comprato delle telecomunicazioni in Italia. Tutti gli operatori hanno, infatti, accumulato perdite. Un dato interessante riguarda il mobile: secondo l’indagine di R&S Mediobanca ha sofferto più della telefonia fissa.
In generale stiamo parlando di un settore che, nel 2014, ha rappresentato il 2% del Pil italiano, il 2,7% della spese della famiglie e il 5,1% degli investimenti complessivi. Investimenti a parte, l’anno preso in esame ha riportato lievi contrazioni sia sul peso del Pil (nel 2013 era pari al 2,2%), che sulla spesa delle famiglie (2,9%).
Per quanto riguarda invece i ricavi, l’indagine ha rilevato un calo del 7,7% tra il 2013 ed il 2014 a 32 miliardi di euro (2,7 miliardi in meno rispetto al 2013) e un -24% risetto al 2010 (in valori assoluti dieci miliardi di euro in meno in cinque anni). Rispetto al 2013, quando i ricavi erano equilibrati tra rete fissa e mobile, l’anno interessato dall’indagine ha visto uno sbilanciamento a discapito del mobile.
Il confronto tra i due anni mostra infatti un calo più consistente per i ricavi da mobile, -10,4%, che per quelli della rete fissa, -4,9%. Stessa dinamica è stata registrata nell’arco dei cinque anni: rispetto al 2010 le diminuzioni sono state rispettivamente del 28,9% e del 18,7%.
Osservando l’andamento dei principali operatori si nota che il calo dei ricavi più consistente, in termini percentuali, ha interessato la Wind con un -9% tra il 2013 ed il 2014 (-23,9% nel quinquennio analizzato), seguono il -8,4% della Vodafone (-31,2% tra 2010 e 2014), il -7-7% di Telecom Italia (-19,7% accumulato), il -7,3% di 3 Italia (+3,4), il -4,5% di Tiscali (-23,4%) e il +2,8% di Fastweb (-10,2% tra il 2010 ed il 2014).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia