Quali prospettive di crescita mondiale? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quali prospettive di crescita mondiale?

petrolio_grandeQuali conseguenze più immediate dovremo attendere dalla guerra dei prezzi del petrolio? È una domanda piuttosto frequente in questi giorni, molto più dopo che il prezzo del greggio è sceso al di sotto della soglia psicologica dei 30 dollari al barile (la prima volta da aprile 2004). Tanto per cominciare una crescita globale più fiacca rispetto alle attese, ma procediamo con ordine.
In verità c’è chi sta beneficiando dell’andamento al ribasso del petrolio (inasprito ora, ricordiamo, dalla fine delle sanzioni all’Iran, tra i maggiori produttori mondiali). Tra questi la Germania, che dopo un momento di appannamento sembra ora risalire la china. Secondo la Bdi (la Confindustria tedesca) la crescita prevista per il 2016 sarà del 2%, sostenuta dal consolidamento di fattori quali il prezzo basso del petrolio, i tassi su valori minimi, circostanze che potranno facilitare l’export della Germania.
In generale è l’andamento dei consumi che può trovare riscontri positivi da tale situazione, vista la diminuzione del costo dei carburanti. Non in Italia, però, dove la componente fiscale ha un peso decisamente maggiore rispetto a quella industriale al punto da limitare i vantaggi in questo senso (inoltre sono previsti aumenti delle accise fino al periodo 2019-2021).
Ma nel lungo periodo il contesto potrebbe non essere più così favorevole. Il prezzo al ribasso del petrolio è dipeso, anche, dalla domanda debole negli anni della crisi economica. L’effetto più immediato, per i paesi consumatori, è la convenienza nell’acquistare la materia prima a costi vantaggiosi. Ma le ripercussioni sulla crescita globale potrebbero in futuro non essere altrettanto positive, perché gli stessi produttori non ne gioverebbero granché.
Insomma, il perdurare della discesa dei beni energetici e un’inflazione alquanto bassa – distante, cioè, dall’obiettivo del 2% cui mirano le banche centrali – potrebbero comportare minori prospettive di crescita, oltre che non eliminare del tutto un nuovo rischio deflazione (ovvero una riduzione generale dei prezzi).
Intanto il Pil dell’area Ocse ha registrato nel terzo trimestre del 2015 una crescita dello 0,5%, in lieve rallentamento sul periodo precedente quando si era attestata a +0,6%. Il contributo è giunto soprattutto dai consumi privati, per un valore pari a +0,4%. Il tasso di disoccupazione dell’area, invece, è rimasto stabile nel mese di novembre 2015, al 6,6%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia