Le imprese italiane e l’e-commerce | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese italiane e l’e-commerce

e-commerceQuasi la metà delle imprese italiane (precisamente il 41%), con almeno dieci addetti, ha commerciato online nel 2015. Un buon risultato – visto che cinque anni fa la quota si attestava solo al 37% – ma che comunque va analizzato a fondo.
Sì perché in realtà, mentre la quota di imprese che fanno acquisti in rete è vicina alla media europea, la quota di quante si servono del web per vendere rimane ancora piuttosto esigua.
La camera di commercio di Monza e Brianza, attraverso un’elaborazione di dati Eurostat, Istat e Registro Imprese, spiega infatti che le imprese italiane che usano il web per acquistare sono il 38% del totale contro appena il 10% di quelle che lo usano per vendere.
Il confronto regionale mostra come sia il Friuli Venezia Giulia l’area dove è più elevata quota di imprese – sul totale delle imprese della Regione – che commerciano online, 49,11%, mentre l’Abruzzo presenta il dato più basso, 29,03%. Il Trentino Alto Adige è invece la regione dove è maggiore la quota di imprese che usano la rete per vendere (+14,75%), mentre vende online solo il 4,13% delle imprese calabresi (e il 4,46% di quelle molisane).
La quota più elevata di imprese che acquistano in rete si registra invece nel Friuli Venezia Giulia (44,77%) mentre quella più bassa in Abbruzzo (25,99%). Per quanto riguarda invece i settori di attività economica, le imprese più attive in questo senso sono quelle che operano nel campo delle attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse (82,10%), seguite dal quelle delle telecomunicazioni ( 79,53%) e da quelle dell’alloggio (71,44%).
Per quanto riguarda la vendita online, le imprese più attive sono quelle delle attività editoriali (82,59%) e quelle dell’alloggio (62,58%), mentre tutte le altre tipologie si attestano ampiamente sotto il 50%. I dati sugli acquisti mostrano invece quote elevate per le imprese attive nel ramo delle telecomunicazioni (77,05%), per quelle delle Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse (73,10%) e per quelle dell’Informatica ed altri servizi d’informazione (62,81%).
Come anticipato il dato sulle imprese che in Italia acquistano in rete (38%) è in linea con quello dell’Unione europea (40%) e con quello dell’Eurozona (42%), mentre risulta più basso quello relativo alle imprese che vendono online: 10% in Italia, 19% nell’Ue e 20% nell’area della moneta unica.

 

Scrivi una replica

News

Di Maio: «Ue monitori consegna vaccini agli Stati membri»

«Recentemente abbiamo avuto difficoltà nelle consegne settimanali di vaccini. Vorrei ricordare la necessità che le aziende produttrici si assumano la piena responsabilità della consegna diretta…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue agli Stati membri: «Scoraggiare tutti i viaggi non essenziali»

La Commissione europea propone che tutti i viaggi non essenziali siano «fortemente scoraggiati finché la situazione epidemiologica non sia migliorata considerevolmente». Una situazione che dovrebbe…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio a Ue: «La morte di Regeni è una ferita anche europea»

«Gentili colleghi, oggi ricorre l’anniversario della scomparsa di Giulio Regeni. Il suo barbaro omicidio è una ferita ancora aperta in Italia, ma oggi sono qui…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 99milioni di casi nel mondo

I casi di Covid-19 nel mondo hanno superato quota 99milioni. Le vittime, invece, sono oltre 2milioni.…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia