Il 79% degli e-shopper italiani acquista dall’estero | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 79% degli e-shopper italiani acquista dall’estero

aziende computerC’è una sorta di collegamento tra il fatto che sono ancora poche le imprese italiane che vendono online – ponendo un freno alla competitività del Made in Italy – e il fatto che gli italiani sono il popolo di internauti che, tra gli altri Paesi europei, acquista di più dall’estero.
Secondo il Global Survey Connected Commerce realizzato da Nielsen su un campione di 13mila internauti di 24 Paesi, mentre la media mondiale di internauti che acquistano oltre i confini nazionali è pari al 57% e quella europea del 65%, nel nostro Paese il dato sale al 79%, piazzandosi avanti a Germania, con il 73%, Spagna (63%), Francia (59%) e Gran Bretagna (52%).
Una delle motivazioni, come spiega Nielsen, potrebbe proprio riguardare il fatto che sono ancora poche le aziende che in Italia cercano di avvicinare i clienti sfruttando il potere della rete.
Da una recente ricerca della Camera di commercio di Monza e Brianza è emerso, infatti, che solo il 10% delle imprese italiane, nel corso del 2015, ha venduto online beni o servizi. Un dato che pone il nostro Paese in fondo alla classifica europea, appena avanti a Grecia (7%), Romania (8%), Bulgaria (9%) e Lituania (a pari merito con l’Italia: 10%), e ben al di sotto della media Ue e dell’Eurozona: rispettivamente del 19% e del 20%.
Tornando alle abitudini di consumo degli e-shopper, secondo l’analisi di Nielsen, gli italiani si differenziano dai consumatori europei anche per la quota di quanti usano la rete solo per acquisire informazione sui prodotti da acquistare e quanti in realtà acquistano online. Mentre nel nostro Paese il 12% sono solamente potenziali e-shopper (ovvero cercano informazioni per poi recarsi in negozi fisici on non acquistano affatto) e l’88% acquirenti a tutti gli effetti, la media dell’Unione europea di e-shopper veri e propri si attesta al 95%. Un dato che in Francia è del 96% (come in Spagna) e del 99% nel Regno Unito.
Una divergenza emerge anche se si confronta la spesa pro-capite dei compratori italiani con quelli di altri Paesi. Nonostante – ha rilevato la Confcommercio – nel corso de 2015 gli italiani che hanno fatto almeno un acquisto online siano cresciuti dell’11% rispetto al 2014, uno studio dell’OFCOM (Autorità inglese per le telecomunicazioni) indica per gli italiani una spesa media pro capite di meno di 300 euro contro gli oltre duemila euro del Regno Unito, gli oltre 1.200 euro degli statunitensi e i quasi mille euro dei francesi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia