Il mercato immobiliare nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato immobiliare nel 2016

mercato_immobiliare_01Nel 2015 l’erogazione di mutui per l’acquisto di immobili da parte delle famiglie è cresciuta in modo notevole. La maggiore disponibilità delle banche nel concedere nuovi finanziamenti ha avuto (naturalmente) un ruolo fondamentale e secondo alcune indagini sarà anche il principale fattore che influenzerà in modo positivo il mercato immobiliare nel 2016.
Secondo i dati dell’ABI – l’Associazione bancaria italiana, che raccoglie 78 istituti di credito che rappresentano circa l’80% del mercato –, nel 2015 le nuove erogazioni di mutui per l’acquisto di immobili da parte delle famiglie sono aumentate del 97,1% su base annua.
Sul totale dei nuovi finanziamenti, in realtà, l’incidenza delle surroghe – attraverso una surroga è possibile trasferire un mutuo da una banca ad un’altra a costo zero, con la possibilità di modificarne i parametri (come il tasso e la durata) – è pari a circa il 31%.
La maggiore disponibilità delle banche a concedere nuovi finanziamenti non dovrebbe esaurirsi con l’inizio del 2016, ma sarà l’elemento che influenzerà positivamente l’andamento del mercato immobiliare: ne è convinto il 43% degli agenti immobiliari interpellati nel corso di un’indagine BV INVEST, secondo cui per il 22% del campione il 2016 sarà migliore rispetto all’anno precedente.
Anche secondo le previsioni dell’Osservatorio Tecnocasa, “complice il desiderio di acquistare casa grazie alla fiducia ritrovata e ad un accesso al credito decisamente migliorato negli ultimi mesi”, quest’anno le cose dovrebbero andare meglio: nel 2016 le compravendite dovrebbero essere comprese tra le 460 e 470 mila unità, dunque in crescita rispetto al 2015.
Del resto tra gli italiani si rileva una crescente propensione all’investimento immobiliare: secondo un’indagine del CENSIS, gli italiani che desiderano acquistare la prima casa sono 2,8 milioni, quelli che vorrebbero comprare un altro immobile sono 1,2 milioni, mentre 760 mila intendono acquistare un’abitazione all’estero.
D’altronde quello immobiliare è un investimento che in molti considerano nuovamente “ideale” – nel 2015 lo era per il 29% degli italiani: in aumento rispetto al 24% del 2014 (dati ACRI e IPSOS) – e “redditizio”: secondo il CENSIS, il 59,7% degli italiani ritiene l’acquisto di un immobile un investimento in grado di produrre un utile economico. Tant’è che, osserva ancora il CENSIS, circa un milione di italiani è pronto ad acquistare un’abitazione per ristrutturarla e successivamente affittarla, altri 560 mila hanno invece gestito una struttura ricettiva per turisti – case vacanza o bed&breakfast –, fatturando complessivamente circa sei miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia