Aumentano gli investimenti delle imprese in R&S | T-Mag | il magazine di Tecnè

Aumentano gli investimenti delle imprese in R&S

imprese_stretta_creditiziaNegli anni della crisi, le imprese – quelle che sono riuscite a superare le difficoltà – hanno scommesso su se stesse, incrementando all’interno delle proprie strutture (intra-muros) la spesa per Ricerca e Sviluppo. Così, mentre diminuiva la spesa pubblica, le imprese aumentavano gli investimenti in R&S.
Secondo quanto emerge dall’indagine dell’Airi (Associazione italiana per la ricerca industriale) dal 2007 gli investimenti in innovazione delle imprese italiane, realizzati per l’appunto all’interno delle proprie strutture, risultano in crescita da 9,4 a 11,8 miliardi di euro. Una cifra che, sottolinea l’Airi, è pari ad una quota del 58% del totale dell’intera spesa in Ricerca e Sviluppo, pubblica e privata.
A trainare la spesa – circa il 70% – è il settore manifatturiero, in particolare nei segmenti dell’auto, pc, prodotti di elettronica e farmaceutica. Anche in questo caso emergono le due velocità dell’Italia: se è al Nord che vengono impiegati i maggiori investimenti, al Sud si attestano al 9% (16% nel Centro). Tra le regioni settentrionali, prevalgono Lombardia (27%), Piemonte (17%) ed Emilia Romagna (14%).
Stando agli ultimi dati Istat, nel 2013 la spesa per R&S intra-muros sostenuta da imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni private non profit e università, ha sfiorato i 21 miliardi di euro. Rispetto al 2012 (quando fu di 20,5 miliardi di euro) la spesa è aumentata in termini sia nominali (+2,3%) sia reali (+1,1%). Rispetto al 2012 la spesa per R&S è aumentata nel settore delle imprese (+3,4%), in quello delle università e delle istituzioni private non profit (+3,3%), ma è diminuito nelle istituzioni pubbliche (-3,4%).
In generale, però, i problemi restano, nonostante la crescita della spesa in R&S registrata negli ultimi anni nel nostro paese. L’Italia, infatti, investe poco più dell’1% del Pil (1,29% nel 2014, dati Eurostat), quota perciò distante dall’obiettivo della Strategia Europa 2020 secondo cui la spesa destinata a Ricerca e Sviluppo dovrebbe attestarsi almeno al 3%. In Germania, ad esempio, gli investimenti in innovazione “pesano” per il 2,84%, in Francia per il 2,26%. Il nostro risultato coincide con quello del Portogallo, mentre siamo poco sopra la Spagna (1,2%).
Il dato medio dell’Ue si colloca al 2,03%, al di sotto degli investimenti che si registrano in altre economie (alcune emergenti). La Corea del sud spende il 4,15% del Pil, il Giappone il 3,47%, gli Stati Uniti il 2,81%, la Cina il 2,8%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «La campagna vaccinale procede regolarmente»

«La campagna» vaccinale «va avanti e procede in maniera regolare». Così il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, annunciando un’imminente consegna di dosi…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Draghi: «Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente»

«Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al summit con i leader internazionali, in occasione…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Biden: «Gli Usa taglieranno le emissioni tra il 50 e il 52% entro il 2030»

Gli Stati Uniti ridurranno le emissioni di gas serra tra il 50 e il 52% entro il 2030. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Joe…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gelmini: «Il coprifuoco non durerà fino al 31 luglio»

«Il fatto che nel testo del decreto varato ieri non sia stato riprogrammato il coprifuoco, non significa che durerà fino al 31 luglio. Questa è una lettura…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia