Le nuove imprese? Sono under 35 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le nuove imprese? Sono under 35

giovani_businessQuanto certificato qualche giorno fa da Unioncamere – nel 2015 il ritmo di crescita delle imprese italiane è tornato ai livelli precedenti alla crisi economica – è dovuto in particolare al dinamismo degli oltre 119 mila giovani under 35 che hanno dato vita a una nuova impresa.
Nel sottolinearne l’importante contributo, Unioncamere osserva inoltre che il saldo delle aziende create da under 35 (+66.209 unità) ha superato nettamente l’intero saldo annuale (+45.181) e che complessivamente le imprese giovanili attive in Italia sono oltre 623 mila, pari al 10,3% del totale delle aziende registrate al 31 dicembre 2015.
I giovani, che non hanno potuto tentare la via dell’auto-imprenditorialità lo scorso anno e non riusciranno a farlo neanche prossimamente, potranno comunque contare su maggiori opportunità lavorative.
Secondo il Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere con il supporto del ministero del Lavoro, il 32,5% dei posti di lavoro offerti complessivamente tra gennaio e marzo dal settore privato sarà destinato ai disoccupati con meno di 30 anni. Dunque cinque under 30 su cento potrebbero trovare un impiego nel primo trimestre 2016: in crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando erano quattro su cento.
Nel complesso, tra gennaio e marzo, le imprese offriranno 227 mila posti di lavoro (+8,4% rispetto al primo trimestre 2015).
Unioncamere osserva che questa maggiore disponibilità delle imprese potrà contribuire “ad erodere l’alto tasso di disoccupazione giovanile” che continua a caratterizzare il mercato del lavoro italiano, nonostante i cali registrati recentemente.
Stando ai dati dell’ISTAT, a dicembre il tasso di disoccupazione dei 15-24enni – ovvero la quota dei giovani in cerca di un impiego sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati) – era pari al 37,9% (-0,1% su base mensile e -3,3% su quella annuale) mentre l’incidenza dei disoccupati sul totale dei giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni era pari al 9,8%.
A dicembre, in pratica, poco meno di un giovane su dieci era disoccupato.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, Aifa: “Da dicembre a marzo oltre 46mila sospette reazioni, il 2,7% di esse non gravi”

Tra il 27 dicembre 2020 e il 26 marzo 2021 sono pervenute 46.237 segnalazioni di sospette reazioni avverse su un totale di 9.068.349 dosi di…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 77mila nuovi casi negli Usa

Sono oltre 77mila i nuovi casi di coronavirus registrati negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore. I decessi invece, sono stati 987.…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Speranza: “50 milioni di dosi entro giugno, età criterio giusto”

“Nel secondo trimestre arriveranno 50 milioni di vaccini e Pfizer anticiperà alcuni milioni di dosi che per l’Italia significano circa 7 milioni. Prudenzialmente il commissario…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Speranza:”Auspico presto chiarezza per iniziare a usare J&J”

“L’auspicio è che presto ci possano essere elementi di chiarezza che ci permettano di iniziare ad utilizzare un vaccino che sarà importante per la nostra…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia