Istat: “A gennaio inflazione in aumento dello 0,3% su base annua” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “A gennaio inflazione in aumento dello 0,3% su base annua”

“A partire dai dati di gennaio 2016, la base di riferimento dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) e dell’indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) è il 2015 (la precedente era il 2010 per NIC e FOI, 2005 per IPCA).
A gennaio 2016, l’indice NIC, al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,2% rispetto a dicembre e aumenta dello 0,3% nei confronti di gennaio 2015 (era +0,1% a dicembre), confermando la stima preliminare”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“Il lieve rialzo dell’inflazione – prosegue la nota – è principalmente imputabile al ridimensionamento della flessione dei Beni energetici non regolamentati (-5,9%, da -8,7% di dicembre) e all’inversione della tendenza dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+0,5%, da -1,7% di dicembre); questa dinamica è attenuata dal rallentamento della crescita degli Alimentari non lavorati (+0,6%; era +2,3% il mese precedente).
Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l'”inflazione di fondo” sale a +0,8% (da +0,6% di dicembre) e quella al netto dei soli beni energetici passa a +0,8% (da +0,7% di dicembre).
Il ribasso mensile dell’indice generale è essenzialmente dovuto alla diminuzione dei prezzi dei Beni energetici (-2,4%).
L’inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,4%.
A seguito dell’accelerazione della crescita su base annua dei prezzi dei servizi (+0,7% da +0,3% di dicembre) e della flessione dello 0,1% dei prezzi dei beni (la stessa registratra a dicembre) il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di quattro decimi di punto percentuale.
I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,2% rispetto a dicembre e aumentano dello 0,3% su base annua (da +0,9% del mese precedente).
I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto diminuiscono dello 0,3% in termini congiunturali e registrano un aumento su base annua dello 0,1% (la variazione tendenziale era nulla a dicembre).
L’indice IPCA diminuisce del 2,2% su base mensile e aumenta dello 0,4% su base annua (da +0,1% di dicembre), confermando la stima preliminare. La flessione congiunturale è in larga parte da ascrivere ai saldi invernali dell’abbigliamento e calzature, di cui l’indice NIC non tiene conto.
L’indice FOI, al netto dei tabacchi, diminuisce – conclude l’ISTAT – dello 0,2% rispetto a dicembre e aumenta dello 0,3% nei confronti di gennaio 2015″.

 

Scrivi una replica

News

Petrolio: Wti a 60,9 dollari al barile mentre il Brent è a 64,86 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 60,9 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 64,86 dollari…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund 101

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 101 punti.…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gelmini: «Da lunedì più di 11 regioni in zona gialla»

«Le regioni che dovrebbero passare in giallo da lunedì dovrebbero essere più di 11». A riferirlo è la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini,…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Es’givien x la Terra e il Made in Italy: il nuovo progetto by #ilfashionbelloebuono

Sostenibilità della moda o moda della sostenibilità? Dopo un anno di pandemia e anni di delocalizzazione di troppe produzioni etichettate Made in Italy, Es’givien lancia…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia