Lo “skills mismatch” frena gli under 30 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lo “skills mismatch” frena gli under 30

di Mirko Spadoni

giovani_lavoro_disoccupazioneUno degli ultimi rapporti redatti dalla Commissione europea sostiene che l’Italia presenta uno dei tassi di “skills mismatch” – ovvero la mancata corrispondenza tra le abilità di un lavoratore e quelle richieste dal mercato del lavoro – più alti tra tutti i Paesi dell’Unione europea, al pari di Belgio ed Irlanda.
Ma quanto rilevato dalla Commissione europea non è propriamente una novità: in Italia i datori di lavoro hanno lamentato spesso l’assenza di candidati ideali a cui affidare un impiego. Una ricerca McKinsey (Studio ergo Lavoro. Come facilitare la transizione scuola-lavoro per ridurre in modo strutturale la disoccupazione giovanile in Italia) rileva che solo il 42% delle imprese italiane ritiene che i giovani, che entrano per la prima volta nel mondo del lavoro, siano in possesso di una preparazione adeguata.
Trovare il candidato ideale diventa così estremamente complicato: sempre secondo McKinsey, nel 2012 le imprese hanno avuto difficoltà a reperire candidati (sia in termini di quantità che in termini di profili e competenze adeguate) per il 16% delle posizioni ricercate, corrispondenti a circa 65 mila posti di lavoro.
Dunque le statistiche dimostrano uno scollamento sostanziale tra le conoscenze in possesso ai giovani italiani e le esigenze del mondo imprenditoriale, che denuncia tanto un deficit di competenze generali quanto la mancanza di esperienza pratica.
Inoltre, secondo una rilevazione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, l’Italia è tra i pochi Paesi a presentare una quota elevata sia di lavoratori under 30 sotto-qualificati (under-skilled) che sovra-qualificati (over-skilled): nel primo caso, il nostro Paese occupa la seconda posizione nell’area OCSE, mentre nel secondo caso occupa la settima.
Ma l’utilizzo di lavoratori sovra-qualificati in impieghi, che in realtà richiedono competenze inferiori, si ripercuote inevitabilmente sulla produttività del lavoratore stesso e del salario percepito: secondo uno studio – L’overeducation in Italia: le determinanti e gli effetti salariali nei dati AlmaLaurea – un overskilled-overeducated guadagna fra il 15 e il 25% in meno rispetto alla media dei laureati, proprio perché svolge un impiego che non richiede l’utilizzo delle competenze acquisite nel percorso di studi.

 

Scrivi una replica

News

Recovery, Ue lancia piano di finanziamento da 806 miliardi

“La Commissione europea lancia il suo piano per finanziare il Next Generation Eu: entro il 2026, raccoglierà sui mercati 806 miliardi di euro, con un…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Campagna vaccinale è cruciale per la ripresa»

«Le misure di bilancio a sostegno dell’economia reale, nel 2020, hanno protetto le banche dal buona parte delle perdite sui loro prestiti e sarà cruciale…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ocse: “L’Italia deve migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione”

“La priorità essenziale per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Somalia, presidente firma legge su proroga del suo mandato

Mohamed Abdullahi Mohamed, presidente della Somalia, ha firmato una legge che proroga per altri due anni il suo mandato, scaduto l’8 febbraio.…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia