Il peso dell’embargo russo sull’export | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peso dell’embargo russo sull’export

export2Che le sanzioni imposte dalla comunità internazionale alla Russia in seguito alla gestione della crisi ucraina e il successivo embargo – imposto da Mosca a quei Paesi che, come l’Italia, hanno preso parte alle sanzioni – abbiano avuto un impatto notevole sul nostro export non è una novità.
Solo a gennaio, infatti, le esportazioni italiane verso la Russia sono scese del 24% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Nell’intero 2015, stando alle note storiche dell’Istat il dato ha invece presentato un -16,7%. In termini assoluti, il valore delle nostre vendite verso Mosca è sceso di 3,7 miliardi rispetto al 2013 (anno precedente all’entrata in vigore delle sanzioni e dell’embargo) attestandosi a 7,1 miliardi di euro.
Stando alle cifre diffuse dalla Coldiretti l’embargo russo sui prodotti del Made in Italy sarebbe costato, nel 2015, solo al settore dell’agroalimentare circa 240 milioni di euro. Le variazioni percentuali mostrano infatti un calo del 73,1% per i prodotti agricoli e un -33,9% per quelli alimentari.
Altre diminuzioni consistenti hanno riguardato i prodotti tessili, l’abbigliamento e gli accessori, -30,8%; il comparto dei mobili, -27%; e quello delle automobili, -60,3%.
Di fatto, il calo delle importazioni russe di prodotti italiani ha fatto sì che il nostro Paese perdesse rilevanza anche come partner commerciale. Mentre nel 2013 eravamo all’ottavo posto tra i principali partner russi, oggi siamo all’undicesimo.
Segnali vagamente positivi giungono però dalle stime riguardanti la crescita russa. Mentre il Prodotto interno lordo del Paese è sceso del 2,2% nel 2014 e del 4% nel 2015, durante l’anno in corso si potrebbe finalmente assistere ad un ridimensionamento della caduta: per il 2016 la Banca mondiale stima un -0,7%.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, il deputato britannico David Amess è stato ucciso a coltellate durante un incontro con gli elettori

Un deputato della maggioranza Tory che sostiene il governo britannico di Boris Johnson, il 69enne David Amess, è stato oggi ucciso da un uomo, che…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, via libera del Cdm al dl Fisco

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto fiscale. Lo riferiscono le agenzie di stampa, citando fonti governative, a riunione ancora in corso. Tensione sul…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Financial Times: “Cinque Paesi Ue pronti alla guerra commerciale con la Gran Bretagna”

“Italia, Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi hanno incontrato in settimana il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, negoziatore post Brexit per l’Ue, per chiedergli…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gruppo Stellantis, immatricolazioni in calo del 30,4% a settembre

Secondo i dati dell’Acea (associazione dei costruttori europei), le immatricolazioni del gruppo Stellantis, nell’Unione europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state a settembre 179.117,…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia