I vantaggi del mercato unico digitale | T-Mag | il magazine di Tecnè

I vantaggi del mercato unico digitale

di Mirko Spadoni

mercato_digitaleIl governo Renzi ha ribadito che il completamento del mercato unico digitale italiano ed europeo rientra tra le sue priorità. Ma Bruxelles avverte che l’Italia non potrà godere pienamente dei benefici dell’economia digitale fino a quando un terzo della sua popolazione si astiene dall’utilizzare regolarmente internet.
Secondo il Digital Economy and Society Index 2016 (DESI) – ovvero l’indice che valuta lo stato di avanzamento dei Paesi dell’UE verso un’economia e una società digitali attraverso cinque indicatori (connettività, capitale umano, utilizzo di internet, integrazione della tecnologia digitale e servizi pubblici digitali) –, l’Italia è tra gli Stati membri dell’Unione europea meno sviluppati digitalmente.
Le scarse conoscenze tecnologiche (gli italiani sono 24esimi su 28 per le competenze digitali basiche necessarie) e le infrastrutture ancora inadeguate (l’Italia è ultima per la diffusione della banda larga fissa) sono ostacoli da superare per godere pienamente dei benefici dell’economia e di un futuro mercato unico digitale europeo.
Per la Commissione europea, una volta costituito, il mercato unico digitale europeo garantirebbe vantaggi tanto agli imprenditori – ad oggi le piccole imprese, che operano on-line e vogliono vendere oltre frontiera nell’UE, devono spendere circa 9 mila euro per adattarsi alle diverse normative nazionali – quanto ai consumatori europei. Quest’ultimi in particolare beneficeranno di prezzi più competitivi: Bruxelles sostiene che, se per gli acquisti on-line potessero scegliere fra l’intera gamma di beni e servizi offerti nell’UE, i consumatori europei potrebbero risparmiare complessivamente 11,7 miliardi di euro all’anno.
Con la creazione del mercato unico digitale europeo, oltre 122 mila imprese inizierebbero a vendere i propri prodotti negli altri Stati membri dell’UE e il numero di consumatori, che acquistano da un Paese ad un altro nell’Unione, arriverebbe a toccare le 70 milioni di unità (nel 2014 solo il 15% dei consumatori ha fatto acquisti on-line da un Paese dell’UE diverso dal proprio). La crescita dei consumatori si tradurrebbe in un conseguente incremento dei consumi – l’aumento stimato da Bruxelles è pari a circa 18 miliardi di euro –, nella creazione di “centinaia di migliaia” di nuovi posti di lavoro e un gettito per l’economia europea di 415 miliardi di euro all’anno.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: «In una settimana nel mondo 9mila decessi: calo del 21%»

«Dal 9 maggio al 15 maggio, dopo il continuo calo registrato da fine marzo, i nuovi casi settimanali di Covid-19 nel mondo si sono stabilizzati…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Kiev: «Cessate il fuoco impossibile senza il ritiro delle truppe russe»

«Non offriteci un cessate il fuoco, questo è impossibile senza il ritiro totale delle truppe russe. La società ucraina non è interessata a una nuova “Minsk”…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Solo l’Ucraina deciderà che pace accettare»

«L’Italia si muoverà a livello bilaterale e insieme ai partner europei e agli alleati per cercare ogni possibile opportunità di mediazione ma dovrà essere l’Ucraina, e nessun altro,…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scholz: «Benvenute Svezia e Finlandia, con voi Nato più sicura»

«Lo dico senza esitazione: cari amici di Svezia e Finlandia, siete i benvenuti! Con voi la Nato e L’Europa saranno più forti e sicure». Lo ha…

19 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia