I lavoratori sovra-qualificati in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I lavoratori sovra-qualificati in Italia

impresa manifatturieraDiversi studi hanno certificato che l’economia italiana è caratterizzata da una presenza consistente di lavoratori impiegati in occupazioni che richiedono competenze inferiori a quelle possedute. Si tratta di un problema di cui tener conto, in quanto incide negativamente sulla produttività e il salario del lavoratore, e che non riguarda solo il nostro Paese.
Stando a un’analisi della Camera di commercio di Milano, elaborata su dati relativi al 2012, in Italia il 15% degli occupati lavora al di sotto delle proprie competenze (circa 3,2 milioni sui 22 milioni di lavoratori impiegati complessivamente nel nostro Paese).
Molto dipende anche dall’età del lavoratore: lo studio osserva che il fenomeno coinvolge maggiormente le persone d’età compresa tra i 25 e i 34 anni (21,5%), mentre tende a ridursi con il crescere dell’età (tra gli occupati over 55, la quota dei lavoratori sovra-qualificati scende all’8%).
Difficile sorprendersi, però. In passato anche il Survey of Adult Skills, uno studio condotto dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE) in 33 Paesi, aveva certificato le difficoltà dell’Italia nel far incontrare le competenze e le offerte di lavoro.
Tra le economie dell’area OCSE, quella italiana presenta una quota molto alta di lavoratori under-skilled (terza posizione) e di quelli over-skilled (settima posizione).
In realtà far combaciare le competenze e le offerte di lavoro è un problema comune a diversi Paesi europei, in particolare negli ultimi anni: secondo un rapporto dell’Organizzazione internazionale del Lavoro (Skills mismatch in Europe), tra il 2002 e il 2012 il numero dei lavoratori sovra-qualificati è cresciuto nella maggior parte delle economie europee, con conseguenze inevitabilmente negative.
L’impiego di lavoratori sovra-qualificati in occupazioni, che richiedono competenze inferiori a quelle possedute, incide sulla produttività del lavoratore stesso e del salario percepito: secondo uno studio (L’overeducation in Italia: le determinanti e gli effetti salariali nei dati AlmaLaurea), un overskilled-overeducated guadagna fra il 15 e il 25% in meno rispetto alla media dei laureati, proprio perché svolge un impiego che non richiede l’utilizzo delle competenze acquisite nel percorso di studi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Mattarella: «Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza, ma anche determinazione»

«Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti, ma servirà anche determinazione, iniziativa e anche coraggio d’innovazione e qualità». Così il capo…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Unione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca

La Commissione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca. «Chiediamo ad AstraZeneca la consegna entro giugno delle 90 milioni dosi che sarebbero dovute…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 159 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 159.031.885. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli anticorpi “durano” fino a otto mesi dal contagio

Gli anticorpi, che neutralizzano il virus Sars-CoV-2, persistono nei pazienti fino ad almeno otto mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia,…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia