Giù il costo del lavoro in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù il costo del lavoro in Italia

posto di lavoroGli ultimi dati dell’Eurostat indicano un calo record per il costo del lavoro nel nostro Paese – iin particolare della componente non salariale –, a fronte di un nuovo aumento consistente sia nell’Eurozona che nell’Unione europea.
Secondo l’istituto di statistica europeo nell’ultimo trimestre del 2015 il costo del lavoro sarebbe diminuito dello 0,8% in Italia, consentendo al nostro Paese di mettere a segno il dato più basso di tutta l’Unione europea e di piazzarsi ben al di sotto della media. Nello stesso periodo il costo del lavoro nell’Ue-28 ha infatti subìto una crescita dell’1,9%, mentre nell’area della moneta unica si è registrato un +1,3%.
Gli aumenti maggiori si sono registrati in Romania, con un +11,4%; in Repubblica Ceca, +8,6%; Lettonia, +7,7%; Bulgaria, +5,8%; Slovacchia, +5,3%; e Austria, 5,2%. Mentre, oltre all’Italia, una contrazione del costo del lavoro è stata registrata in Olanda, con un -0,4%; Cipro , -0,8%; e Lussemburgo, -0,4%.
Bisogna sottolineare che nel nostro Paese – dove la componente salariale ha registrato un –0,2% e quella non salariale un -2,1% – la contrazione del costo del lavoro è quasi completamente attribuibile agli sgravi contributivi presenti nella legge di stabilità 2015.
Si tratta comunque di un passo importante se si considera che recenti stime dell’Ocse (riferite al 2014) collocavano l’Italia al sesto posto per il prelievo fiscale sui salari. Nel nostro Paese il cuneo fiscale la differenza tra il costo sostenuto dal datore di lavoro e la retribuzione netta percepita dal lavoratore, in altre parole la somma delle imposte che pesano sul costo del lavoro), si attestava infatti al 48,2% contro il 36% della media dell’area (rapporto Taxing Wages).

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia