I punti deboli del mercato del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

I punti deboli del mercato del lavoro

lavoro_disoccupazioneDi recente l’Istat ha quantificato in 200 mila le coppie tra i 25 e i 64 anni, con figli, in cui a lavorare è la madre e il padre è disoccupato. Nel 2014 erano 192 mila, pertanto la crescita nel 2015 è stata del 4,2%. Non si tratta propriamente di un cambio di paradigma, bensì di una condizione che cela altre verità.
Tanto per cominciare c’è che, negli anni della crisi, l’occupazione femminile è in effetti aumentata, seppur lievemente, e non solo da noi. Nei paesi europei in cui il mercato del lavoro gode di buona salute (ad esempio ciò avviene in Germania e in Austria) il tasso di disoccupazione femminile è inferiore a quello maschile. Tuttavia in Italia, ancora nel quarto trimestre 2015, la crescita del tasso di occupazione ha riguardato sostanzialmente gli uomini.
Osservando i dati familiari relativi alla forza lavoro si scopre, poi, che ammontano a 86 mila i casi in cui la madre lavora part-time; 217 mila sono invece i casi di famiglie dove le donne risultano essere fuori dal mercato del lavoro, quindi inattive. È vero anche, insomma, che il tasso di disoccupazione femminile si è ridotto nel corso del 2015, ma in diverse occasioni è corrisposto un incremento dell’inattività. Neanche a dirlo le donne con figli presentano un tasso di occupazione inferiore a quelle single (rispettivamente 44% e 73,9%).
Inoltre, a proposito di inattività – gli inattivi sono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che l’Istat non classifica come occupate o in cerca di occupazione –, il trend sembra proseguire in questa direzione: a febbraio l’aumento è stato di 58 mila unità rispetto a gennaio, di cui soprattutto donne (+49 mila).
Un ulteriore aspetto che – in minima parte almeno – può spiegare il cambiamento osservato all’inizio è quello che comprende la disoccupazione di lunga durata (una situazione che interessa coloro che cercano lavoro da 12 mesi o più). Quest’ultima ha registrato aumenti ininterrotti tra il 2008 e il 2014 e gli incrementi sono stati più marcati per la componente maschile. Nel 2015 l’incidenza della disoccupazione di lunga durata è diminuita, dal 60,7% al 58,1%, restando comunque su livelli piuttosto alti. Per rendere l’idea: dal 52,5% del 2012 è passata al 56,4% del 2013 (era circa il 45% nel 2008), un dato già superiore alla media Ue28.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia