Istat: rapporto deficit/Pil al 2,6% nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: rapporto deficit/Pil al 2,6% nel 2015

“Nel quarto trimestre 2015 l’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche (AP) in rapporto al Pil (dati grezzi) è stato pari al 2,2%, risultando inferiore di 0,2 punti percentuali rispetto a quello del corrispondente trimestre del 2014.
Complessivamente, nel 2015 il rapporto tra indebitamento netto e Pil è stato pari al 2,6%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali rispetto a quello del 2014.
Nel quarto trimestre 2015 il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo e pari a 8.112 milioni di euro. L’incidenza dell’avanzo sul Pil è stata dell’1,9%, inferiore di 0,3 punti percentuali rispetto a quella registrata nel quarto trimestre del 2014.
Il saldo corrente nel quarto trimestre 2015 è stato positivo e pari a 9.732 milioni di euro con un’incidenza sul Pil dello 2,3% (0,8% nel corrispondente trimestre dell’anno precedente).
Nel quarto trimestre 2015, le uscite totali sono aumentate, in termini tendenziali, dello 0,6%; la loro incidenza rispetto al Pil è stata del 57,1% (57,7% nel corrispondente trimestre dell’anno precedente). Le uscite correnti sono diminuite dell’1,4% e quelle in conto capitale sono aumentate del 25,5%.
Le entrate totali, nel quarto trimestre, sono aumentate, in termini tendenziali, dello 0,9% con un’incidenza sul Pil del 54,9%, inferiore di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente trimestre del 2014. La pressione fiscale è stata pari al 50,3%, invariata rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.
Nel complesso del 2015, le uscite totali sono aumentate dello 0,1% rispetto all’anno precedente e il corrispondente rapporto rispetto al Pil è stato pari a 50,5% (51,2% nel 2014); le entrate totali sono aumentate dell’1,0%, con un’incidenza sul Pil del 47,9% (-0,3 punti percentuali rispetto al 2014). La pressione fiscale è risultata pari nel 2015 al 43,5%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto all’anno precedente.
Le stime degli aggregati trimestrali del conto delle AP sono coerenti con la versione trasmessa ad Eurostat il 31 marzo, nell’ambito della notifica in applicazione del Protocollo sulla Procedura per i Deficit Eccessivi. Tale versione presenta, rispetto ai dati diffusi lo scorso 1 marzo (tavola 18 allegata al comunicato), alcune revisioni dovute all’inclusione di nuove informazioni resesi disponibili dopo la chiusura della prima stima. Al fine di facilitare il confronto, il nuovo conto annuale è presentato a pagina 5 del presente comunicato”. (fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

G20, Putin parteciperà al vertice in programma il 15 e il 16 novembre in Indonesia

Il presidente russo, Vladimir Putin, potrebbe partecipare al G20, che si terrà il 15 e il 16 novembre sull’isola di Bali, in Indonesia. Il leader…

27 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «Nessun missile russo può spezzare il morale degli ucraini»

«Nessun missile russo, nessun attacco può spezzare il morale degli ucraini. E ciascuno dei loro missili è un argomento nei nostri negoziati con i partner».…

27 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Scholz: «Evitare un conflitto tra Nato e Russia»

«Abbiamo parlato del sostegno all’Ucraina e del fatto che, con misure toste, faremo tutto il possibile per appoggiarla. Ma abbiamo anche sottolineato il fatto che…

27 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Putin non deve vincere»

«Putin non deve vincere». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, secondo quanto si apprende dalle agenzie di stampa, al G7 in corso a Elmau,…

27 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia