Le lunghe attese che frenano le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le lunghe attese che frenano le imprese

bureaucracyQuanto certificato dalla Commissione europea – in Italia, nel 2014 per ottenere un giudizio di primo grado in un processo civile e amministrativo occorrevano circa 520 giorni contro i 600 giorni dell’anno precedente – è un risultato solo parzialmente positivo.
Nell’Unione europea soltanto Malta e Cipro impiegano più tempo, mentre nel resto dei Paesi che hanno fornito i dati – l’elenco non include: Belgio, Bulgaria, Irlanda e Regno Unito – ne occorrono molti di meno: in Germania, il tempo per ottenere una sentenza di primo grado è inferiore ai 200 giorni.
Pur apprezzandone i recenti miglioramenti, la Commissione europea ha suggerito così all’Italia di velocizzare i tempi dei processi. Una richiesta analoga a quella avanzata anche da altre istituzioni – tempo fa, l’OCSE ha invitato il nostro Paese ad accrescere l’efficienza della giustizia civile e delle procedure fallimentari – e che non deve sorprendere: una macchina giudiziaria realmente efficiente risulta determinante per lo sviluppo dell’economia di un Paese.
Nel suo Doing Business, la Banca mondiale osserva che tempi lunghi di risoluzione delle controversie generano incertezza e infliggono costi elevati alle imprese – costi che Confartigianato ha quantificato recentemente in un miliardo di euro l’anno –, impedendogli di crescere.
Spesso le banche tendono a concedere credito (e quindi ad assumere dei rischi) soltanto in presenza di un sistema giudiziario capace di emettere una sentenza in tempi relativamente brevi. In caso contrario, finanziare una piccola impresa, magari alla ricerca del capitale necessario per aumentare la propria dimensione, diventa molto rischioso. Non a caso, la Banca mondiale ritiene che il dimezzamento dei tempi della giustizia civile inciderebbe sulla dimensione media delle imprese italiane che aumenterebbe dell’8-12%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia