Prestiti al settore privato in crescita a febbraio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prestiti al settore privato in crescita a febbraio

soldi_famiglie_crisiA febbraio i prestiti al settore privato sono finalmente tornati a crescere, interrompendo la striscia negativa che ha interessato quasi interamente il 2015. E’ quanto emerge da un’analisi diffusa da Bankitalia , dalla quale si nota un’inversione di rotta dei prestiti alle società no finanziarie e un accelerazione di quelli alle famiglie.
Le tabelle indicano infatti una crescita, rispetto al febbraio del 2015, dello 0,6% per i prestiti al settore privato una voce che nel complesso racchiude – oltre alle famiglie e alle società non finanziarie che vedremo più nel dettaglio- le imprese assicurative, i fondi pensione e le altre istituzioni finanziarie.
Una buona notizia, soprattutto perché dal gennaio del 2015 al gennaio del 2016, nel corso di un anno dunque, i prestiti al settore privato sono sempre diminuiti, tranne un aumento dello 0,5% a novembre. Il dato annuo peggiore è stato invece registrato nel febbraio scorso: -2%.
Come spiegato il settore privato racchiude a sua volta più voci, tra cui le famiglie e le società non finanziarie. I prestiti alle famiglie sono cresciuti a febbraio dell’1%, mettendo a segno la crescita maggiore da quando si è registrata l’inversione di tendenza nel giugno del 2015. Da gennaio 2015 a maggio 2015 la caduta dei prestiti alle famiglie ha rallentato mese dopo mese fino a riportare una variazione nulla, appunto, a giugno. Da luglio in poi l’accelerazione: da un +0,2% si è passati al +0,8% di novembre, a dicembre un lieve rallentamento al +0,7% e a febbraio una nuova crescita al +0,8%.
Per quanto riguarda invece i prestiti alle società non finanziarie, Bankitalia ha rilevato, anche in questo caso, un’inversione di tendenza: dopo i cali dello 0,7% di dicembre 2015 e dello 0,9% di gennaio 2016, a febbraio il dato ha riportato un +0,3%. Le tabelle evidenziano, come accaduto per i prestiti al settore privato in generale, come l’intero 2015 sia stato interessato da cali tendenziali, escluso novembre quando si è registrato un +0,2%.
Dai dati diffusi si può osservare anche un taglio lineare su tutti i principali tassi di interesse, tranne quelli sul credito al consumo (dall’8,50% di gennaio al 8,52% di febbraio).
In particolare i tassi d’interesse sui prestiti alle famiglie per l’acquisto di un’abitazione sono scesi dal 2,85% al 2,76%, quelli sui conti correnti dl 4,11% al 4,06%. Per quelli sulle operazioni di finanziamento di importo unitario inferiore a un milione di euro, diverse dai conti correnti, si osserva un taglio dei tassi dello 0,05%, dal 2,78% al 2,73%, mentre per le operazioni di finanziamento di importo unitario superiore a un milione di euro si è registrato un taglio dei tassi d’interesse dall’1,55% all’1,10%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gualtieri: «Momento difficile, ma ce la faremo anche questa volta»

«Possiamo ripartire e abbiamo davanti a noi una prospettiva di rilancio, sviluppo e crescita grazie anche alle risorse europee». Lo ha detto il ministro dell’Economia,…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, von der Leyen: «Dobbiamo intensificare la risposta dell’Ue»

In questa fase dell’emergenza sanitaria, «dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Unione europea». Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. «Invito gli…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Michel: «3 o 4 vaccini entro l’inizio del 2021»

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, intervistato da Rtl France, ha reso noto che l’Ue si augura che tra la fine del 2020 l’inizio…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, positivo il presidente del Parlamento iraniano

Mohammad Bagher Qalilbaf, presidente del Parlamento iraniano, è attualmente in quarantena dopo esser risultato positivo al coronavirus.…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia