Sofferenze bancarie di nuovo in calo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sofferenze bancarie di nuovo in calo

bancheNell’ultimo Global Financial Stability, il Fondo monetario internazionale (FMI) sottolinea che le banche italiane devono fare i conti con “una sfida particolare”. Quella rappresentata dai “non performing loans”, i crediti per i quali la riscossione è incerta sia in termini di rispetto della scadenza che per l’ammontare dell’esposizione, tra i quali spiccano gli incagli e le sofferenze.
Secondo i dati contenuti nel Bollettino statistico della Banca d’Italia, a febbraio le sofferenze bancarie lorde sono diminuite rispetto al mese precedente, attestandosi a 196 miliardi rispetto ai 202 di gennaio, ma sono aumentate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente del 4,7%. Si tratta di un incremento che va tenuto in grande considerazione.
Del resto, un’eventuale aumento delle sofferenze – ABI e CERVED osservano che senza interventi per favorirne la cessione o lo smaltimento, le sofferenze sono destinate a crescere nei prossimi anni – rischia di ripercuotersi negativamente sull’ammontare complessivo dei prestiti concessi dagli istituti di credito. Infatti le sofferenze impediscono alle banche di stimare le perdite effettive, che andranno iscritte nel bilancio, rendendole più attente nella concessione di nuovi finanziamenti ad imprese e famiglie che ne fanno richiesta.
Non a caso, la creazione di una bad bank – ovvero una società costituita con lo scopo di acquistare a prezzi ridotti i crediti in sofferenza degli istituti, permettendo a quest’ultimi di scaricarli dai propri bilanci – viene considerata come una soluzione efficace: stando ad una stima del Boston Consulting Group, la società che ha fornito consulenza a Bankitalia nelle trattative sulla bad bank nel 2015, la cessione di 100 miliardi di euro di sofferenze avrebbe un impatto positivo sul Prodotto interno lordo (PIL) italiano, generando una crescita aggiuntiva compresa tra l’1,5 e il 2% nell’arco di due-tre anni.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia