Italia seconda in Europa per costo della benzina | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia seconda in Europa per costo della benzina

costo_benzina_pressione_fiscaleNonostante il lungo periodo di crollo dei prezzi del petrolio, quello della benzina (soprattutto in Italia) è diminuito relativamente poco. E nell’Ue non abbiamo il primato per il costo della benzina per un soffio, secondo gli ultimi dati della Commissione europea aggiornati al 1 marzo 2016. Da cosa dipende?
Per capire le variazioni del prezzo dei carburanti è opportuno distinguere le diverse strutture che lo compongono. È la componente fiscale, infatti, a far lievitare il costo conclusivo che attualmente si attesta in Italia a 1,426 euro al litro (dati aggiornati al 18 aprile: il ministero dello Sviluppo economico settimanalmente diffonde la struttura del prezzo medio nazionale dei prodotti petroliferi).
A ben vedere i prezzi industriali della benzina negli ultimi tempi – all’incirca da gennaio 2014, fatta eccezione per alcuni rialzi rilevati di tanto in tanto – avevano registrato un calo non indifferente. La componente fiscale, invece, deve essere scorporata in accise e l’Iva (al 22%). L’accisa è un’imposta che viene applicata su un bene prodotto o consumato, ed è quella che grava maggiormente sul prezzo finale. Così, considerato il costo di 1,426 euro al litro aggiornato al 18 aprile, le componenti sono pari a 0,257 per quanto riguarda l’Iva, 0,728 l’accisa e 0,441, che è il prezzo al netto delle imposte.
L’Italia, dicevamo all’inizio, occupa la seconda posizione nell’Ue per i prezzi della benzina al primo marzo. Prima è l’Olanda. Alle nostre spalle, invece, Danimarca, Portogallo e Malta, con valori che si aggirano tra 1,320 e 1,379 euro al litro (la media europea si attesta a 1,141 euro). In Francia il prezzo al consumo è 1,227, in Germania di 1,226. Per quanto riguarda il gasolio siamo quarti, sopra di noi Regno Unito, Svezia e Malta.
Tuttavia c’è una buona notizia, che fa notare il centro studi Promotor. In Italia il prezzo medio ponderato del primo trimestre 2016 è ancora sensibilmente più basso di quello dello stesso periodo del 2015 (-8% per la benzina; -14,4% per il gasolio), nonostante i recenti rincari osservati.
In questo modo consumatori e imprese hanno visto la spesa complessiva scendere dai 12,9 miliardi del primo trimestre 2015 agli 11,3 miliardi del primo trimestre di quest’anno. E il risparmio degli italiani alla pompa, sottolinea il centro studi Promotor, è di 1,6 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden: «La Russia è una minaccia diretta, la Cina una sfida sistemica»

Per la NATO «la Russia è una minaccia diretta e la Cina è una sfida sistemica». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, intervenendo…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «La Russia è aperta al dialogo»

«La Russia è aperta al dialogo sulla stabilità strategica mondiale, il disarmo e il commercio». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, in un…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Emergenza sanitaria, Fondazione Gimbe: «Impennata dei nuovi casi Covid»

«Prosegue l’impennata» di nuovi casi di Covid-19. Lo rende noto la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in Italia, sottolineando che nell’ultima settimana,…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità: l’epicentro si sta spostando verso il Centro Italia

Dopo gli ultimi rovesci, che pur non hanno risolto l’emergenza sul bacino padano, l’epicentro della siccità si sta spostando, estendendosi verso le regioni del Centro…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia