I vantaggi offerti dai negozi online | T-Mag | il magazine di Tecnè

I vantaggi offerti dai negozi online

e-commerceIn passato, alcuni studi avevano certificato che l’e-commerce offre la possibilità di acquistare prodotti ad un prezzo assolutamente competitivo. Un’ulteriore conferma arriva da un’indagine condotta dall’Osservatorio nazionale Federconsumatori, che mette comunque in guardia dal rischio di imbattersi in prodotti contraffatti.
In tutti i comparti merceologici considerati nello studio – alimentazione, cura della persona, abbigliamento, infanzia e tecnologia –, i prezzi dei prodotti venduti on-line risultano inferiori a quelli che è possibile acquistare in negozio tradizionale. Secondo l’indagine dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori, la percentuale di risparmio medio raggiunge il 41% tra i prodotti per la cura della persona (bagnoschiuma, shampoo…), il 24,1% per l’abbigliamento (jeans, scarpe sportive…), il 14,5% per i prodotti dell’infanzia (latte in polvere, pannolini, biberon…) e il 17,2% per quelli tecnologici (smartphone, tablet, lettore mp3…).
Pur sottolineandone la convenienza, Federconsumatori sottolinea che gli e-shopper rischiano di imbattersi in prodotti contraffatti. Del resto i siti di vendite on-line, che contengono nei loro cataloghi prodotti non originali, sono molti: stando ad un rapporto Ref–Confesercenti su Abusivismo e Contraffazione, diffuso nel settembre scorso, sono otto su dieci. A pagarne le conseguenze sono gli acquirenti, ovviamente: un consumatore su quattro ha acquistato on-line almeno un prodotto contraffatto e spesso può averlo fatto in modo inconsapevole, contribuendo ad alimentare un mercato in crescita costante.
I vantaggi offerti dall’e-commerce – aumentare la platea di potenziali clienti – stanno convincendo un numero crescente di commercianti ad aprire un punto vendita on-line: secondo le previsioni di Confesercenti, nel 2016 i negozi on-line saranno quasi sedicimila (+165,4% in più rispetto al 2009) e nel 2025 raggiungeranno quota cinquantamila. Per quanto consistente, l’incremento punti vendita on-line non è diffuso in modo omogeneo sul territorio nazionale. Anzi. Un terzo delle imprese che commerciano via internet sono infatti concentrate in sole due regioni: la Lombardia, che nel 2016 dovrebbe raccoglierne quasi tremila, e nel Lazio (1.840).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 44 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus accertati nel mondo hanno superato oggi quota 44 milioni, secondo l’ultimo bollettino della Johns Hopkins University. Nel dettaglio da inizio pandemia…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gualtieri: «Momento difficile, ma ce la faremo anche questa volta»

«Possiamo ripartire e abbiamo davanti a noi una prospettiva di rilancio, sviluppo e crescita grazie anche alle risorse europee». Lo ha detto il ministro dell’Economia,…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, von der Leyen: «Dobbiamo intensificare la risposta dell’Ue»

In questa fase dell’emergenza sanitaria, «dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Unione europea». Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. «Invito gli…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Michel: «3 o 4 vaccini entro l’inizio del 2021»

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, intervistato da Rtl France, ha reso noto che l’Ue si augura che tra la fine del 2020 l’inizio…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia