Le difficoltà occupazionali riguardano soprattutto i giovani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà occupazionali riguardano soprattutto i giovani

di Fabio Germani

giovani_lavoro_disoccupazioneLe differenze con il resto d’Europa si fanno ancora sentire, l’Italia presenta infatti tra i più alti tassi di disoccupazione giovanile (15-24 anni) alle spalle di Grecia, Spagna e Croazia, e in generale sul fronte occupazionale, pur registrando miglioramenti, il livello negli ultimi anni è rimasto pressoché stabile. Un ostacolo che non ha riguardato solo la classe dei 15-24enni, ma anche quella dei 25-34enni, che coinvolge tra gli altri anche gli studenti che escono dal percorso accademico e formativo.
Stando agli ultimi dati Istat, nella classe di età 25-34 anni in un anno (marzo 2015 – marzo 2016) risultano in diminuzione sia gli occupati (-32 mila unità) che i disoccupati (-44 mila unità), mentre aumentano gli inattivi – le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle che l’Istat non classifica come occupate o in cerca di occupazione –, +20 mila. Nei primi tre mesi del 2016, poi, l’occupazione è cresciuta principalmente tra gli over50.
Ad ogni modo, che il mercato del lavoro abbia mostrato timidi segnali di ripresa nei tempi più recenti e in particolare nel 2015, emerge anche dall’ultimo rapporto AlmaLaurea. Ad esempio, il primo aspetto da sottolineare è che tra i neolaureati cala la disoccupazione e aumentano stabilità lavorativa e retribuzioni.
Alcuni numeri: tra i laureati triennali, ad un anno del conseguimento del titolo di studio, il tasso di occupazione si attesta al 67% (in aumento rispetto al 2010; la quota sale al 70% tra i magistrali), quello di disoccupazione è invece al 23% (in diminuzione di tre punti percentuali). Le cose però cambiano se si guarda al passato, in particolare al periodo pre-crisi: nel 2007 la quota di occupati tra i neolaureati triennali era pari all’82,5%.
Anche l’aspetto salariale conta, naturalmente. I laureati magistrali occupati a un anno dalla laurea guadagnano 1.132 euro, 150 in meno rispetto al passato. Anche se il discorso è più generico, spesso la prospettiva di guadagnare di più è la spinta a cercare lavoro altrove. Diverse ricerche lo dimostrano e in effetti, stando ad un recente studio di Gi Group, il divario è elevato, con stipendi in Germania più alti del 30% rispetto all’Italia (o anche più, dipende dalle figure professionali). Pure i livelli occupazionali sono decisamente migliori: nella fascia giovanile il tasso di disoccupazione gravita attorno al 7%.
Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile vera e propria, infine, l’Italia come si diceva all’inizio si colloca al quarto posto in Europa. Al primo c’è la Grecia (il tasso di disoccupazione giovanile è oltre il 50%, ma il dato è relativo a gennaio 2016). Seguono la Spagna (45,5%) e la Croazia (39% nel primo trimestre 2016). Nel nostro paese il dato si attesta al 36,7% (Eurostat).

@fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Inflazione, Coldiretti: su aumenti frutta e verdura pesa la siccità

La siccità con il taglio dei raccolti spinge l’inflazione nel carrello della spesa con aumenti che vanno dal +10,8% per la frutta al +11,8% della…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, scatta il rinnovo del programma “Roam-like-at-home” fino al 2032

Nell’Unione europea niente roaming a pagamento fino al 2032. Lo prevede il nuovo regolamento Ue che entra in vigore oggi, venerdì 1° luglio 2022, estendendo…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Oltre un giovane su due è preoccupato per il futuro»

Si dice «incerto» o «preoccupato» per il proprio futuro, il 52,7% degli adolescenti italiani tra i 13 e i 19 anni. Lo rivela l’indagine nazionale…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Stoltenberg: «A Kiev servono armi più pesanti, equipaggiamento più moderno»

All’Ucraina servono «più armi pesanti, equipaggiamento più moderno, che devono essere consegnati più velocemente». Lo ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, intervenendo nel corso di…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia