Facebook: aumentano le richieste dei governi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Facebook: aumentano le richieste dei governi

Sono in aumento le richieste di dati e informazioni sugli utenti giunte a Facebook da parte dei governi di tutto il mondo. Questo è quello che emerge dalla relazione semestrale del rapporto sulla trasparenza dell’azienda di Menlo Park relativo al secondo semestre del 2015. Le domande legate alle indagini sui crimini hanno raggiunto quota 46.763, il 13% in più rispetto alle 41.000 della prima metà dell’anno. Al primo posto per numero di richieste ci sono gli Stati Uniti con 19.235 domande, di cui l’81% è stato evaso, seguiti dall’India con 5.561, dal Regno Unito con 4.190, dalla Germania con 3.140 e dalla Francia con 2.711. L’Italia si classifica al sesto posto con 1.525 richieste e un rilascio dati del 52%. Aumentano, a livello globale, anche le domande per bloccare quei contenuti che violano le leggi locali: nella seconda metà del 2015 sono state ben 56 mila, erano 20 mila durante il primo semestre dell’anno.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, rinviato il viaggio a Pechino del segretario di Stato Blinken

Il viaggio a Pechino del segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è stato posticipato. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, sottolineando che il rinvio è stato deciso…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Michel: «L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è Ucraina»

«L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è l’Ucraina. Non siamo intimiditi dal Cremlino e non lo saremo». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, intervenendo…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «L’Ue sosterrà il nostro piano di pace»

«Nel corso dei nostri negoziati oggi abbiamo discusso l’attuazione del nostro piano di pace, che l’Ue sosterrà, perché è l’unico progetto comprensivo per recuperare l’architettura…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Donbass non ancora protetto, operazione speciale continua»

«Il Donbass non è ancora completamente protetto, quindi l’operazione militare speciale continua». A ribadirlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia