Dove c’è lavoro anche con la crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dove c’è lavoro anche con la crisi

donne_lavoroMentre negli anni della crisi tutti i settori di attività economica registranvano consistenti perdite di posti di lavoro – a parte i servizi, che al contrario hanno mostrato una tendenza positiva –, il mondo delle cooperative ha visto incrementare i livelli occupazionali, mostrando così un potenziale significativo rispetto al trend nazionale.
Nel periodo 2008-2015 il calo degli occupati nell’agricoltura è stato del 3,35% (-28.636 unità), nell’industria il calo è stato non indifferente e ha interessato soprattutto il Sud, ma anche le regioni del Nord hanno evidenziato livelli occupazionali distanti da quelli pre-crisi. Solo i servizi hanno fatto segnare una variazione positiva dell’1,74%. (fonte: Centro Studi ImpresaLavoro).
A proposito di beni e servizi, considerando ora il segmento delle imprese cooperative, si scopre che il contributo all’occupazione è stato determinante. I numeri sono stati diffusi in occasione dell’assemblea annuale di Confcooperative e confermano la maggiore resilienza alle difficoltà della crisi.
Sono oltre 48 mila, infatti, i nuovi posti di lavoro creati tra il 2007 e il 2015, pari al +10,1% rispetto al 2007. Nello stesso periodo, fa notare Confcooperative, in Italia il numero di occupati si è ridotto del 2,4%, passando da 23.048.000 a 22.492.000 unità. In più le cooperative sono realtà in cui il lavoro è soprattutto stabile: il 75% degli occupati nelle imprese aderenti a Confcooperative ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato (nelle grandi la percentuale sale addirittura all’85%). Tutto ciò a fronte di un fatturato che è pari a 66 miliardi di euro, di cui 5,9 provenienti dall’export, cresciuto del 43% rispetto agli anni pre-crisi.
Ma l’aspetto più interessante è l’opportunità che una cooperativa rappresenta per quelle categorie notoriamente svantaggiate, quali donne, giovani e stranieri. Alcuni numeri in questo senso: il 60,8% degli occupati sono donne. Quest’ultime, poi, rappresentano il 26,3% nella governance delle cooperative rispetto al 16% degli altri modelli di impresa presenti nel paese. Tra i soci le donne risultano essere il 40%. Quanto ai giovani in una cooperativa su tre nel Cda c’è almeno un under 35, mentre gli stranieri rappresentano il 15% dell’occupazione complessiva.

 

Scrivi una replica

News

Gas, le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%

Secondo quanto reso noto da Gas Infrastructure Europe (GIE) le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%, contro il 72,4% della media europea.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

M5s, Conte: «Andremo da soli al voto, perché così ha deciso il Partito democratico»

«Andrà così perché hanno deciso così sin dall’inizio in modo del tutto irrazionale i vertici del Pd. Lo hanno fatto dando anche uno schiaffo agli…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, inflazione all’8,5% a luglio

A luglio l’inflazione degli Stati Uniti si è attestata all’8,5%, contro l’8,7% previsto dagli analisti e il 9,1% di giugno.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Domino’s ha chiuso i locali in Italia

La nota catena di piazza all’americana, Domino’s, ha chiuso gli ultimi punti vendita rimasti in Italia. Il piano prevedeva l’apertura di 880 negozi entro il…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia