Gli effetti dei ritardi nei pagamenti della Pubblica amministrazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli effetti dei ritardi nei pagamenti della Pubblica amministrazione

soldi-euroDifficilmente la Pubblica amministrazione italiana salda i propri fornitori senza accumulare ritardi – CRIBIS D&B sostiene che solo un’impresa su otto della P.A. è puntuale nei pagamenti –, con conseguenze inevitabilmente negative sulle imprese creditrici. Secondo una recente analisi CRIBIS D&B, soltanto il 13% delle imprese della Pubblica Amministrazione italiana paga puntualmente i propri fornitori. Si tratta di una percentuale molto bassa, osserva lo studio. Specialmente nel confronto con la media italiana: nel nostro Paese le imprese, che saldano alla scadenza i debiti con i fornitori, sono il 35,1%. Ben il 29,6% invece paga con oltre 30 giorni di ritardo, contro la media del Paese del 13,8%.
CRIBIS D&B sottolinea che negli ultimi anni la situazione non è migliorata: se da un lato sono cresciuti di 1,5 punti percentuali i pagamenti puntuali, dall’altro sono aumentati i ritardi gravi, passati dal 20% del 2010 all’attuale 29,6%. I ritardi della Pubblica amministrazione si ripercuotono (negativamente) sulle imprese fornitrici. Non potendo riscuotere puntualmente quanto gli spetta, quest’ultime sono costrette a cercare altrove la liquidità necessaria per finanziare la propria attività.
Secondo uno studio dell’ANCE – l’Associazione nazionale costruttori edili –, le imprese risolvono la carenza di liquidità, facendo ricorso a fonti di finanziamento esterne. Il 72% ha richiesto l’anticipo fatture ad un istituto di credito – in pratica, la banca anticipa al cliente l’importo di un credito verso terzi a fronte di una presentazione da parte del cliente stesso delle fatture –, il 22% è ricorso all’apertura di credito in conto corrente, il 20% ha richiesto un finanziamento “a breve” e il 18% ha provveduto a cedere (pro-soluto o pro-solvendo) il credito.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Lagarde: «Il Pil tornerà ai livelli pre-pandemia entro il 2022»

L’Eurozona si sta riprendendo ad una velocità superiore a quanto previsto: il Prodotto interno lordo tornerà così ai livelli pre-pandemia entro la fine del 2021.…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Industria: Acciai Speciali di Terni è tornata di proprietà di un gruppo italiano

Acciai Speciali di Terni (Ast) torna in mani italiane: ThyssenKrupp ha annunciato la cessione al gruppo Arvedi. Complessivamente erano quattro le manifestazioni d’interesse presentate, tre…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, Macron: «Neutralizzato leader Stato Islamico del Gran Sahara»

Il capo del gruppo jihadista dello Stato islamico del Gran Sahara (Eigs), Adnan Abou Walid al-Sahrawi, è stato «neutralizzato» dalle forze francesi. Ad annunciarlo è…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto: ad agosto frenano nuove immatricolazioni in Europa

Ad agosto le nuove immatricolazioni nell’Unione Europea, nei Paesi Efta e nel Regno Unito sono state 724.710, in calo del 18,1% su base annua. Lo…

16 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia