Perché investire in ricerca e sviluppo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché investire in ricerca e sviluppo

di Mirko Spadoni

ricercaIl contributo delle imprese italiane alla spesa in ricerca e sviluppo (R&S) del nostro Paese è sempre più significativo. A ricordarlo è stata la CNA – la Confederazione nazionale dell’artigianato e della Piccola e media impresa – che, citando i dati dell’Eurostat, ha voluto sottolineare l’aumento della quota delle imprese sul totale della spesa italiana in R&S avvenuto nell’ultimo decennio.
Nel 2013 le imprese italiane hanno sostenuto così gli investimenti in R&S: la loro quota ha raggiunto il 54,7% (nel 2012 era il 54,2%), il 6% in più rispetto a dieci anni fa. La crisi economica e la necessità di tenere sotto controllo i conti pubblici hanno imposto ad alcuni Paesi una revisione della spesa pubblica e così le risorse dedicate alla ricerca e allo sviluppo non sono aumentate.
Il discorso vale specialmente per le economie più avanzate – tra il 2008 e il 2012 la quota dei 34 Paese OCSE sugli investimenti globali in R&S si è ridotta, passando dal 90 al 70% (dati OECD Science, Technology and Industry Outlook 2014) – e per i Paesi dell’Europa meridionale. Come l’Italia, per l’appunto. Nel 2012 la spesa in R&S di Portogallo (1,50%), Spagna (1,30%) e Italia (1,27%) era significativamente inferiore alla media OCSE (2,40%) e alla spesa dell’economie dell’Europa settentrionale, come Germania, Danimarca, Svezia e Finlandia che investono oltre il 3% del PIL. Non tutti i Paesi hanno ridotto i propri investimenti in R&S, però.
Il caso cinese è abbastanza significativo: complice un incremento vertiginoso della spesa avvenuto negli ultimi anni – la spesa in R&S è passata dai 51,3 miliardi del 2002 ai 256,8 miliardi del 2012 – l’OCSE prevede che entro il 2019 la Cina diventerà il primo Paese al mondo per investimenti dedicati alla ricerca e allo sviluppo.
Del resto, gli investimenti nella ricerca e nello sviluppo sono fondamentali per sostenere la crescita economica di un Paese. A ricordarcelo è l’Unione europea stessa, secondo cui investire il 3% del PIL dell’UE per la ricerca e l’innovazione entro il 2020 potrebbe generare 3,7 milioni di posti di lavoro e far crescere il PIL annuale, fino a toccare gli 800 miliardi di euro, entro il 2025.

 

Scrivi una replica

News

Oms: «Nel terremoto in Turchia e Siria potrebbero esser state coinvolte fino a 23milioni di persone»

Fino a 23 milioni di persone potrebbero essere colpite dal violento terremoto che ha ucciso migliaia di persone in Turchia e Siria. Lo ha affermato…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, ministro della Difesa lascia: «Grazie per il supporto»

«Manteniamo la posizione. Grazie a tutti per il supporto e per le critiche costruttive. Traiamo le conclusioni. Continuiamo le riforme. Anche durante la guerra. Stiamo…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Occidente spinge Kiev a conquistare territori russi»

«Le azioni degli Usa e dei loro alleati stanno trascinando i paesi della Nato in un conflitto nell’area russa e potrebbero portare a un livello…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Pyongyang: «Più manovre militari per avere forze armate pronte alla guerra»

«La Corea del Nord espanderà e intensificherà le manovre militari per garantire la preparazione delle sue forze armate alla guerra». E’ quanto emerge dalla riunione…

7 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia