Digital Health, Gfk: “11 milioni di italiani cercano nel web informazioni relative alla salute” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Digital Health, Gfk: “11 milioni di italiani cercano nel web informazioni relative alla salute”

Sono 11 milioni e mezzo gli italiani che usano il web per cercare informazioni relative alla salute e al benessere con un utilizzo sempre crescente dei contenuti video e la condivisione delle informazioni e delle esperienze attraverso i social network. Questo è quanto emerge dall’Open Lab organizzato da GfK sul tema ʺDigital Health: la comunicazione scientifica nell’era digitale”. Per chi è alla ricerca di informazioni sul tema salute i siti web, specializzati e generalisti costituiscono una fonte importante, ma anche blog e social media sono diventati un luogo virtuale dove dare vita a confronti e discussioni. In crescita anche l’utilizzo di App e dispositivi per la salute: un possessore di smartphone su tre si dichiara interessato a scaricare App o ad utilizzare device indossabili per monitorare i parametri vitali (pressione, battito cardiaco ecc.) e gli stili vita (ore di sonno, alimentazione, attività fisica, stress).
Cosa cercano gli italiani sul web quando parlano di salute? Il 78% cerca informazioni connesse alla malattia, il 62% possibilità di cura, il 45% informazioni sui farmaci, il 36% sui medici e sui centri specializzati. Esistono poi altre aree connesse al benessere che riguardano argomenti legati agli stili di vita, 59%, i farmaci da banco, 32% e gli integratori, 35%. La figura del medico rimane un punto di riferimento fondamentale per l’82% degli italiani, mentre il 62% dichiara di rivolgersi ad uno specialista. Altre fonti di informazione sono il farmacista per il 37%, amici o parenti per il 32% e i media per il 20%. I nuovi strumenti digitali sono ormai imprescindibili sia per i medici che per i pazienti: tutti i dottori possiedono un pc, l’85% possiede uno smartphone, il 60% un tablet con il quale connettersi ad internet. In forte crescita anche tra i medici l’utilizzo dei social network come modalità di contatto e confronto con colleghi, esperti e pazienti: il 25% dei medici dichiara di utilizzare Facebook per scopi professionali, Linkedin è utilizzato per la professione dal 25% degli specialisti e dal 12% dei medici di medicina generale, mentre risulta ancora residuale l’uso di Twitter (6%). Interessante anche la crescita dei nuovi format di comunicazione: i contenuti video vengono utilizzati dal 35% dei medici per fruire in modo immediato di tutorial, informazioni relative a device medici, diagnosi per immagini e tecniche chirurgiche. Per il futuro, il 65% dei medici è interessato ai contenuti video come modalità di informazione per l’aggiornamento professionale.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gentiloni: «Nel quarto trimestre, ci sarà un significativo rallentamento dell’economia»

Le misure restrittive introdotte per contenere la diffusione del coronavirus «sono sfortunatamente necessarie ancora una volta per appiattire la curva» dei contagi anche se probabilmente…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ecdc: in Belgio più alto tasso di contagi

Secondo quanto calcolato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), è il Belgio il paese ad avere ora il più…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, sciopero di 24 ore dei medici

La situazione legata alla gestione della pandemia in Spagna non registra ancora miglioramenti e i medici spagnoli hanno indetto uno sciopero di 24 ore per…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, confermata dal Senato la nomina di Barrett alla Corte Suprema

Il Senato ha confermato la nomina della giudice Amy Coney Barrett alla Corte Suprema (Barrett ha giurato nella notte). Un via libera che ora porta…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia