Gli investimenti negli anni della crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli investimenti negli anni della crisi

soldi-euroDal 2009 in poi la quota degli investimenti rispetto al Prodotto interno lordo (PIL) è diminuita significativamente tanto nella zona euro quanto (soprattutto) nel nostro Paese. Ne Le Prospettive per l’economia italiana nel 2016, l’ISTAT osserva che, in Italia, la contrazione degli investimenti è stata decisamente superiore rispetto a quella registrata tra alcuni dei nostri partner europei. Nel periodo compreso tra il 2009 e il 2015, nella zona euro la quota degli investimenti totali rispetto al PIL è diminuita dell’1,3%.
Tuttavia il calo ha colpito con intensità diverse sia le economie – ad esempio, in Germania la riduzione è stata meno consistente (-0,8%) rispetto a quella registrata in Italia (-3,5%) e in Spagna (-3,9%) – che le varie tipologie di investimenti.
Dal confronto, tra le quote degli investimenti per tipologia del 2015 rispetto al valore medio del periodo 1995-2007, emerge che la crisi economica ha avuto un impatto significativo sugli investimenti in costruzioni – ciò vale soprattutto per la Spagna, in seguito agli effetti della bolla del mercato immobiliare – e sugli investimenti in macchinari e attrezzature che hanno segnato una flessione, seppure più contenuta, a eccezione dell’Italia dove la quota è diminuita di circa 2 punti percentuali rispetto al periodo precedente la crisi.
Il discorso prende una piega diversa per gli investimenti in prodotti della proprietà intellettuale (PRI) che comprendono anche la ricerca e sviluppo (R&S) e il software. Quest’ultimi hanno registrato un aumento delle quote in tutti i Paesi anche se in misura eterogenea: in Italia, in particolare, la crescita è stata meno significativa rispetto a quella registrata nelle principali economie europee. L’ISTAT osserva che tutto ciò ha avuto inevitabili ripercussioni sulla produttività italiana, “che ha continuato ad accumulare ritardo rispetto sia alla media dei Paesi dell’area euro sia rispetto a Francia, Germania e Spagna”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia