Le difficoltà delle lavoratrici in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà delle lavoratrici in Italia

donne_lavoroQuanto rilevato dall’Eurostat – nell’Unione europea, il più alto numero di persone che sono in grado di lavorare ma non cercano un impiego si trova in Italia – è un dato certamente poco positivo e che inoltre certifica una situazione che riguarda principalmente la componente femminile. Secondo l’Eurostat, nell’UE le persone che rientrano nella “potenziale forza lavoro supplementare” – in quanto sono in grado di lavorare ma non cercano un impiego – sono 11 milioni in tutto. La maggior parte delle quali si trova in Italia: nel nostro Paese, l’Eurostat conta oltre 3,5 milioni di persone in questa condizione, pari al 14% della forza lavoro. Il dato italiano è superiore a quello registrato in altre economie, come quella croata (9,2%), lussemburghese (7,8%), finlandese (7,7%) e bulgara (7,1%).
L’Eurostat rileva che le donne in particolare si trovano in questa condizione: nell’UE sono addirittura il 57%. Una percentuale che sale al 60% in Italia, dove il numero delle lavoratrici è cresciuto molto negli ultimi anni.
Uno studio della UIL osserva che, a differenza di quanto accaduto alla componente maschile che ha assistito alla perdita di 735mila posti di lavoro, nel periodo compreso tra il 2008 e il 2015 le donne con un impiego sono aumentate di 110mila unità (+1,2%).
Per quanto significativo, l’incremento avvenuto recentemente non ha consentito alle donne di recuperare il gap che le divideva dagli uomini, ancora prima dell’inizio della crisi economica. Dati alla mano, quest’ultimi restano numericamente superiori rispetto alle prime: su un totale di 22,5 milioni di persone che risultano occupate nel nostro Paese, le donne rappresentano soltanto il 41,8%.
Una differenza (notevole) che non trova molti eguali nel resto dell’UE. Stando alle statistiche dell’Eurostat relative al 2015, tra i partner europei l’Italia presenta il secondo divario più consistente tra il tasso di occupazione maschile e quello femminile (-20%). Peggio di noi fa soltanto Malta (-27,8%).

 

Scrivi una replica

News

Cybersicurezza, Palazzo Chigi: «Nell’attacco non sono stati colpiti settori critici»

«In merito all’attacco hacker verificatosi su scala mondiale, la riunione tenuta stamane a Palazzo Chigi, coordinata dal Sottosegretario con la delega alla Cybersecurity Alfredo Mantovano,…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Benzinai, sanzioni da 200 a 200mila euro per chi viola gli obblighi di comunicazione dei prezzi

Sanzioni da 200 a 2mila euro, a seconda del fatturato, per chi viola gli obblighi di comunicazione ed esposizione dei prezzi dei carburanti. E’ quanto…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Carburanti, prezzi ancora in calo

Nonostante l’embargo al petrolio russo continuano a calare i prezzi dei carburanti. Nel dettaglio, in base all’elaborazione di Qe dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terremoto Turchia-Siria, Zelensky: «Pronti a fornire assistenza»

«Siamo al fianco del popolo turco in questo momento difficile. Siamo pronti a fornire l’assistenza necessaria per superare le conseguenze del disastro», ha dichiarato Zelensky…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia