Il contributo economico dei lavoratori stranieri | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo economico dei lavoratori stranieri

stranieri_lavoratoriUn’Italia senza il contributo delle persone immigrate registrerebbe una consistente perdita economica secondo il Censis. La stima è di circa 450 mila aziende in meno. Il contributo degli stranieri, infatti, genera un’integrazione fondamentale al sistema produttivo italiano.
Nel primo trimestre del 2016, afferma il Censis, i titolari d’impresa stranieri risultano essere 449 mila (i settori più interessati il commercio e l’edilizia), il 14% del totale. La quota, dal 2008 a oggi, è cresciuta del 49% mentre nello stesso periodo considerato le imprese italiane diminuivano dell’11,2%.
Il Censis si spinge oltre nella sua analisi. L’uscita degli stranieri dal mercato del lavoro significherebbe rinunciare ad un numero elevato di lavoratori domestici (il 77% del totale), “persone che integrano con servizi a basso costo le mancanze del welfare pubblico”. Il punto è che più del 36% degli stranieri è occupato in mansioni non qualificate che gli italiani non sono più disposti a svolgere.
Quella del Censis non è l’unica indagine in materia. Ad esempio i dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere-Infocamere osservano l’importante contributo che giunge alla nostra economia dai lavoratori extra-comunitari. Solo l’anno scorso le imprese costituite da cittadini nati fuori dall’Ue sono state 23 mila in più, mantenendo costante la crescita del segmento che è proseguita pure negli anni della crisi.
Secondo uno studio condotto dalla Fondazione Leone Moressa diffuso l’anno scorso, elaborato su dati Infocamere, il contributo delle imprese straniere attive in Italia è quantificabile in 94 miliardi di euro: il 6,5% del valore aggiunto nazionale del 2013. Circa la metà (41 miliardi di euro) deriva dal comparto dei servizi, mentre commercio e industria manifatturiera contribuiscono rispettivamente con 18 e 17 miliardi di euro.
E non solo. Oltre a creare ricchezza, gli immigrati attivi in Italia contribuiscono al sistema previdenziale. Coloro che percepiscono una pensione risultano essere 141 mila, una quota inferiore all’1% degli oltre 16 milioni di pensionati italiani. Accedono poi ad altri tipi di prestazioni di sostegno circa 122 mila persone, il 4,2% del totale.
Un ultimo report della Fondazione Leone Moressa mette in luce come l’impatto fiscale della presenza immigrata in Italia sia in questo momento molto rilevante: un contributo dato alle casse dello Stato da circa 2,2 milioni di contribuenti (il 7,2% del totale), che vale circa 6,8 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia