Il mercato del lavoro per classi di età | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mercato del lavoro per classi di età

disoccupazione_giovanile_lavoroLa situazione più critica resta in Grecia (anche se l’ultimo dato si riferisce a marzo), in Spagna e in Italia. Nel nostro paese, ad ogni modo, il livello della disoccupazione giovanile (15-24 anni) a maggio è stabile sul mese precedente, al 36,9%; oltre il 50% in Grecia e quasi il 44% in Spagna. In generale i dati Istat sul mercato del lavoro italiano relativi al mese di maggio mostrano nel complesso un certo grado di stabilità, anche per quanto riguarda la porzione di popolazione più giovane. L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,7%, significa cioè che meno di un giovane su dici è disoccupato.
Per capire meglio le dinamiche che interessano il mercato del lavoro è opportuno infatti osservare le fasce di età. Nella classe 25-34 anni, su base annua (maggio 2015 – maggio 2016) si registrano miglioramenti. Gli occupati risultano in crescita di 95 mila unità, i disoccupati in calo di 87 mila, gli inattivi di 58 mila. Tuttavia nel periodo marzo-maggio 2016 rispetto al trimestre dicembre 2015-febbraio 2016 la variazione è quasi nulla, sia per gli occupati sia per i disoccupati.
Resta una situazione difficile quella che coinvolge i 35-49enni. In questo caso sono 158 mila in meno gli occupati su base tendenziale e appena 19 mila in meno i disoccupati (gli inattivi, invece, -55 mila). Sono gli over 50 i più avvantaggiati (+271 mila su base annua), sebbene la loro corsa sia rallentata sul mese (a maggio la variazione rispetto ad aprile è appena +0,1%).
In generale il tasso di disoccupazione si attesta all’11,5%, -0,1% su aprile. Nell’Eurozona – dati Eurostat – si attesta al 10,1%. In Grecia (24,1% a marzo), in Spagna (19,8%), in Croazia (13,3%), a Cipro (12%) e in Portogallo (11,6%) si rilevano tassi di disoccupazione superiori al nostro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia