Visco: “Sofferenze bancarie più a rischio sono solo 15 miliardi” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Visco: “Sofferenze bancarie più a rischio sono solo 15 miliardi”

“Non è corretto parlare del problema dei crediti deteriorati come di un’emergenza per l’intero sistema bancario italiano”. Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, intervenendo in occasione dell’assemblea dell’Associazione bancaria italiana (ABI).
“Per incagli e sofferenze non è corretto un valore sull’ipotesi che esse vengano cedute immediatamente e quindi le stime sulle necessità di capitale circolate (30-40 miliardi di euro) si basano sul presupposto che i crediti vengano “ceduti immediatamente a metà del valore. Le banche significative con livelli di crediti deteriorati particolarmente elevati detengono nel complesso circa 15 miliardi di sofferenze”, ha concluso Visco.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 44 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus accertati nel mondo hanno superato oggi quota 44 milioni, secondo l’ultimo bollettino della Johns Hopkins University. Nel dettaglio da inizio pandemia…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gualtieri: «Momento difficile, ma ce la faremo anche questa volta»

«Possiamo ripartire e abbiamo davanti a noi una prospettiva di rilancio, sviluppo e crescita grazie anche alle risorse europee». Lo ha detto il ministro dell’Economia,…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, von der Leyen: «Dobbiamo intensificare la risposta dell’Ue»

In questa fase dell’emergenza sanitaria, «dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Unione europea». Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. «Invito gli…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Michel: «3 o 4 vaccini entro l’inizio del 2021»

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, intervistato da Rtl France, ha reso noto che l’Ue si augura che tra la fine del 2020 l’inizio…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia