Fmi: “In Italia i crediti deteriorati frenano la crescita” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fmi: “In Italia i crediti deteriorati frenano la crescita”

“I crediti deteriorati in Italia sembrano stabilizzarsi su livelli elevati. Dall’inizio della crisi sono triplicati a 360 miliardi di euro alla fine del 2015. Il problema è pronunciato soprattutto per le sofferenze, che rappresentano la metà dei crediti deteriorati”. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale (FMI) che ha sottolineato come i crediti deteriorati rallentano gli investimenti e la ripresa economica e quindi sono un tema su cui bisogna agire rapidamente.
“Per il Fondo – dice Rishi Goyal, capo della missione del FMI per l’Italia – un intervento pubblico per risolvere le difficoltà delle banche italiane è una delle opzioni in base alle regole esistenti. Stiamo parlando di sostegno del governo in un contesto di emergenza in cui la stabilità finanziaria è a rischio. C’è abbastanza flessibilità nelle regole esistenti per affrontare il problema”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia