La spesa delle famiglie destinata alla cultura | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa delle famiglie destinata alla cultura

Cinema_fullNell’aumento della spesa media mensile delle famiglie non va trascurato, tra quelle non alimentari, l’incremento di esborso alla voce “ricreazione, spettacoli e cultura” che, seppur lieve, rappresenta un’inversione di tendenza sostanziale rispetto al recente passato. Tuttavia tale aumento risulta più marcato al Nord che nel resto del paese.
Contrariamente a quanto sostenuto di solito, la cultura è – nel suo complesso – un motore indispensabile per la nostra economia. Come ha ricordato, ancora di recente, la Fondazione Sylmbola nel consueto rapporto annuale, nel periodo 2011-2015 mentre l’economia italiana arrancava, il sistema produttivo culturale e creativo (che va dai musei al cinema, dal design ad altri segmenti quali letteratura e festival) riusciva a muovere 49,8 miliardi, il 17% del Pil.
Nello specifico lo scorso anno il sistema produttivo culturale e creativo ha registrato 89,7 miliardi di valore aggiunto, il 6,1% del Pil. Inoltre per ogni euro in cultura se ne generano altrove 1,8. Considerato l’effetto moltiplicatore si arriva a 249,8 miliardi complessivi. A beneficiarne è soprattutto il turismo, osserva la Fondazione Symbola.
Eppure, nonostante le performance invidiabili delle imprese culturali italiane, c’è da sottolineare come – dati Eurostat relativi al 2014 – l’Italia occupi il penultimo posto per spesa pubblica destinata alla cultura (1,4% a fronte del 2,1% medio Ue). E anche la fruizione non ha registrato, negli anni più duri della crisi, un trend tanto diverso. Ad esempio, nel 2012, la quota di spesa destinata a consumi culturali e ricreativi da parte delle famiglie italiane si attestava al di sotto della media europea, registrando un miglioramento soltanto in seguito.
Nel 2015, infatti, è aumentata ancora la quota di spesa destinata a beni e servizi non alimentari che – informa l’Istat – è stata pari in media a 2.057,87 euro mensili (era 2.052,44 euro l’anno precedente), un valore in definitiva stabile ma che conferma la crescita già avviata nel 2014. Aumentano del 4,1% anche le spese per beni e servizi ricreativi, spettacoli e cultura, fino a raggiungere un valore di 126,41 euro.
Secondo l’Istat, così come sottolineato già nel Rapporto Noi Italia 2016, è aumentata perciò negli ultimi anni la partecipazione culturale e in particolare si è osservato un numero crescente delle visite a musei o mostre, a siti archeologici o monumenti e di presenze al cinema, che si conferma al primo posto delle attività culturali.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Speranza: «Non possiamo assolutamente abbassare la guardia»

«In questo ultimo miglio non possiamo assolutamente abbassare la guardia». Intervenendo in Senato, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha invitato alla prudenza, osservando che…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, Di Maio: «Chiesta all’Onu apertura di un’inchiesta»

«Al Pam e all’Onu abbiamo chiesto formalmente l’apertura di un’inchiesta che chiarisca l’accaduto, le motivazioni alla base del dispositivo di sicurezza utilizzato e in capo…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli Usa primo Paese per il numero di contagiati nelle ultime 24 ore. Ottava l’Italia

Nelle ultime 24 ore, secondo gli ultimi dati dell’Oms, sono stati 280.853 i nuovi contagiati. La nazione che ha fatto segnare il maggior incremento sono…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, continuano a calare i casi di Covid in tutto il mondo

Per la sesta settimana consecutiva i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo sono calati. Nel periodo 15-21 febbraio, il dato è sceso dell’11%…

24 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia