La pressione fiscale su imprese e famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

La pressione fiscale su imprese e famiglie

tasse_pressione_fiscaleIn diverse occasioni, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha assicurato che il governo intende ridurre la pressione fiscale su famiglie e imprese, spiegando che la strategia di rilancio dell’economia italiana pensata dall’esecutivo passa anche alla sua “progressiva riduzione”, fino a circa il 40% entro il 2019. In Italia, la pressione fiscale – ovvero il rapporto tra il prelievo fiscale (imposte dirette, imposte indirette e imposte in conto capitale), quello para-fiscale (contributi sociali) e il Prodotto interno lordo (PIL) – è cresciuta parecchio: una recente analisi del Centro Studi Unimpresa, basata sui dati della Banca d’Italia, osserva che la pressione fiscale è aumentata progressivamente nell’ultimo decennio, passando dal 39,1% del PIL nel 2005 all’attuale 43,5% nel 2015.
Una crescita che si è arrestata soltanto lo scorso anno – secondo l’ISTAT, nel 2015 la pressione fiscale è diminuita leggermente rispetto al 2014 (-0,1%) – e che trova pochi riscontri nel resto dei nostri principali partner economici: nel 2015 la pressione fiscale era al 39,6% in Germania (+1,2% rispetto al 2005), al 34,8% in Gran Bretagna (-2%) e al 34,6% in Spagna (-2%).
Solo i contribuenti francesi fanno i conti con una pressione fiscale superiore a quella italiana (47,8%), ma “l’aggravio – osserva il Centro studi di Unimpresa – tiene il debito al 95,8% del PIL”.
In Italia, nel 2015, il rapporto tra il debito e il Prodotto interno lordo era al 132,7%.
Confcommercio sostiene che l’obiettivo del governo – abbassare la pressione fiscale a circa il 40% entro il 2019 – è “una sfida eccezionale, ma possibile”. Per centrarlo, spiegano gli analisti di Confcommercio, sarà necessario bloccare la spesa pubblica ai livelli del 2016, eliminare 21 miliardi di sprechi locali e far crescere il Prodotto interno lordo di oltre l’1,4% nel triennio 2017-2019.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia