Prezzi sempre più giù. I rischi per l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi sempre più giù. I rischi per l’Italia

consumi_crisi_economicaLa CGIA di Mestre sottolinea che, qualora la discesa dei prezzi registrata recentemente – nel primo semestre del 2016 i prezzi al consumo sono diminuiti dello 0,2% – dovesse proseguire, l’Italia potrebbe far registrare, per la prima volta dal 1959, una variazione dei prezzi negativa.
Secondo l’ultima analisi dell’Ufficio Studi della CGIA di Mestre, su 200 voci di prodotto analizzate la deflazione si è verificata in ben 68 casi.
Oltre a considerare i prodotti hi-tech, dove il progresso tecnologico determina una naturale riduzione dei prezzi, e quelli energetici – gasolio e benzina hanno beneficiato di un prezzo del petrolio basso, al di sotto dei 50 dollari al barile, per tutto il primo semestre del 2016 –, l’analisi ha analizzato oltre un centinaio di prodotti, registrando una diminuzione dei prezzi anche tra quelli alimentari.
In particolare, la CGIA di Mestre sottolinea che il deprezzamento dei prodotti alimentari – pomodori, insalata, zucchero e gelati sono quelli che hanno subìto i cali maggiori – testimonia le difficoltà economiche delle famiglie italiane: del resto, la debolezza della domanda di beni e servizi è la prima causa della deflazione.
Ma la deflazione porta i consumatori a rinviare gli acquisti in quanto l’abbassamento dei prezzi incentiva l’accumulo di liquidità nell’attesa che scendano ancora.
Un’eventuale (e ulteriore) calo dei consumi potrebbe avere un impatto negativo sul tessuto imprenditoriale: la CGIA osserva che le micro-imprese “vivono quasi esclusivamente” dei consumi interni che dipendono (naturalmente) dalla capacità di spesa dei consumatori italiani.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 44 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus accertati nel mondo hanno superato oggi quota 44 milioni, secondo l’ultimo bollettino della Johns Hopkins University. Nel dettaglio da inizio pandemia…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gualtieri: «Momento difficile, ma ce la faremo anche questa volta»

«Possiamo ripartire e abbiamo davanti a noi una prospettiva di rilancio, sviluppo e crescita grazie anche alle risorse europee». Lo ha detto il ministro dell’Economia,…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, von der Leyen: «Dobbiamo intensificare la risposta dell’Ue»

In questa fase dell’emergenza sanitaria, «dobbiamo intensificare la nostra risposta dell’Unione europea». Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. «Invito gli…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Michel: «3 o 4 vaccini entro l’inizio del 2021»

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, intervistato da Rtl France, ha reso noto che l’Ue si augura che tra la fine del 2020 l’inizio…

28 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia