Imprese: prosegue la stretta creditizia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: prosegue la stretta creditizia

soldi-euroQuanto certificato recentemente dalla Banca d’Italia – nel 2015 è proseguito il recupero dei prestiti erogati alle imprese, trainato dai finanziamenti al settore manifatturiero – riguarda solo le imprese di dimensioni più grandi – l’indagine ha coinvolto quelle che impiegano oltre 20 addetti – mentre i piccoli imprenditori fanno i conti con una stretta creditizia ancora intensa. Secondo i dati contenuti nell’Osservatorio Credito Confcommercio sulle imprese del commercio, del turismo e dei servizi realizzato in collaborazione con Format Research e relativo al secondo trimestre del 2016, circa un’impresa su quattro, pur avendo bisogno di un finanziamento, ha evitato di rivolgersi agli istituti di credito.
I motivi di questa scelta sono molteplici: la scarsa fiducia nella situazione economica del Paese, il timore di vedere respinta la propria richiesta o perché l’imprenditore decide di ricorrere a fonti di finanziamento diverse da quelle garantite dalle banche.
Banche che infatti sono solitamente più propense a concedere il credito alle imprese di grandi dimensioni: secondo un rapporto elaborato da CER e EURES per Confesercenti, le imprese con almeno 20 addetti hanno ottenuto l’81% (pari a 14,8 miliardi di euro) dei prestiti complessivamente erogati nel corso del 2015, mentre il 18,9% è stato destinato alle imprese di dimensioni più piccole che hanno pagato più di altri la stretta creditizia in atto da diverso tempo a questa parte.
Confesercenti stima che, nel periodo compreso tra il 2011 e il 2015, i prestiti destinati alle imprese sono diminuiti del 20,9%, pari a circa 190 miliardi di euro in meno.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia