Il 35,4% delle imprese è puntuale nei pagamenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 35,4% delle imprese è puntuale nei pagamenti

Negli ultimi anni è cresciuta la percentuale di chi salda i propri fornitori con un oltre un mese di ritardo rispetto alla scadenza

soldi-euroUn’indagine condotta da DAS Italia – un’organizzazione specializzata nella tutela legale – sostiene che il 70% delle piccole e medie imprese (PMI) e dei liberi professionisti italiani hanno problemi di fatture insolute. Del resto, riscuotere puntualmente quanto dovuto non è sempre semplice. L’analisi di DAS Italia rileva che la percentuale delle imprese, alla prese con delle fatture insolute, cresce tra le aziende di grandi dimensioni (84%) e quelle attive nel commercio (87,6%).
Riscuotere puntualmente quanto dovuto non è sempre semplice. Anzi. Poche sono le imprese che pagano i propri fornitori senza accumulare ritardi. Secondo lo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS D&B, nel secondo trimestre del 2016 solo il 35,4% delle imprese italiane è puntuale, in calo dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre il 51,5% lo fa entro un mese dalla scadenza (+3% rispetto al secondo trimestre del 2015).
Un dato parzialmente positivo c’è. Secondo l’analisi, si è ridotta la percentuale delle imprese che accumulano gravi ritardi nei pagamenti: attualmente la percentuale di ritardi gravi – considerati tali in quanto la fattura viene saldata con oltre un mese di ritardo – è pari al 13,1%, in leggero calo rispetto allo stesso periodo del 2015 di 2,2 punti percentuali.
Cribis D&B osserva che si tratta di un segnale positivo per il sistema imprenditoriale italiano, in quanto certifica una minor difficoltà delle imprese nel saldare quanto dovuto ai propri fornitori. Quella relativa ai pagamenti è una situazione in fase di miglioramento, anche se rispetto al 2010 i ritardi di oltre un mese sono aumentati del 138,2%, mentre i pagamenti alla scadenza sono scesi del 5,6%.

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia