L’assenteismo nei luoghi di lavoro in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’assenteismo nei luoghi di lavoro in Italia

Secondo un'indagine dell’ufficio studi di Confindustria nel pubblico impiego l’assenteismo è di oltre il 50% contro il 5,49% registrato tra i dipendenti delle aziende private

assenteismo_lavoroSi parla spesso dei cosiddetti “furbetti del cartellino”, ovvero quei dipendenti che si presentano sul posto di lavoro presentando il proprio badge (quindi confermando di essere andati a lavorare) per poi invece riandarsene. Un malcostume che pesa notevolmente sia dal punto di vista produttivo ma anche dal punto di vista puramente “monetario”.
Stando ad un’indagine sul Lavoro svolta dall’ufficio studi di Confindustria, nel pubblico impiego l’assenteismo è di oltre il 50% contro il 5,49% registrato tra i dipendenti delle aziende private.
Una percentuale bassa, quella rilevata nel settore privato. Tanto da porre il nostro Paese tra i più virtuosi in Europa. Secondo quanto emerso infatti da una recente analisi della Amyang (Barometro sull’assenteismo) il nostro Paese farebbe meglio di Paesi come la Spagna, con una quota del 6%, il Portogallo, con il 6,21%, e la Francia, con il 7%.
Un dato interessante che emerge dallo studio è la correlazione tra la quota di assenteisti e la dimensione d’impresa: al crescere della seconda, aumenta anche la prima. Secondo le rilevazioni, infatti, mentre nelle aziende con un numero di addetti compreso tra le 20 e le 50 unità la percentuale si attesta all’1,28%, in quelle con un numero compreso tra i 250 e 499 dipendenti sale all’8%, con notevoli ripercussioni dal punto di vista economico. Basti pensare che, se si riuscisse a portare l’assenteismo del settore pubblico ai livelli del privato, si potrebbero risparmiare 3,7 miliardi euro all’anno.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia