Le donne inattive in Italia nel 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le donne inattive in Italia nel 2015

Secondo lʼEurostat, lʼinattività è strettamente connessa al sesso, allʼetà e al livello di educazione

lavoro_disoccupazioneQuanto rilevato dall’ultimo report dell’Eurostat – nel 2015, in Italia, il tasso di inattività tra le donne in età da lavoro era del 45,9% – è un dato particolarmente preoccupante, poiché certifica che nel nostro Paese circa una donna su due è al di fuori del mercato del lavoro.
Gli inattivi sono considerati tali in quanto non sono occupati né sono alla ricerca di un impiego e l’Eurostat osserva che il tasso di inattività – ovvero il rapporto tra gli inattivi e la corrispondente popolazione di riferimento – è strettamente connesso al sesso, all’età e al livello di educazione (chi è in possesso di un titolo di studio elevato ha maggiori possibilità di trovare un impiego, del resto).
Il report dedica un attenzione particolare alla fascia d’età compresa tra i 25 e i 54 anni, il periodo in cui dovrebbe essere più facile trovare un’occupazione o esserne alla ricerca.
Dalla lettura dei dati emerge un quadro preoccupante. Secondo l’Eurostat, in questa fascia d’età le differenze di genere sono più significative: a livello europeo, nel 2015 il tasso medio di inattività degli uomini tra i 25 e i 54 anni era pari all’8,6% contro il 20,6% delle donne della stessa fascia d’età. In Italia, in particolare, la percentuale delle donne inattive tra i 25 e i 54 anni cresce fino a raggiungere il 34,1%.
I motivi possono essere diversi. In particolare, può essere la famiglia a tenere lontano le donne dal mercato del lavoro: nell’UE, circa la metà delle donne inattive tra i 25 e i 54 anni (il 9,6% del 20,6% complessivo) è tale proprio per motivi familiari. Tuttavia l’Eurostat sostiene che, a differenza di quanto accade nel resto dei Paesi dell’Unione europea, in Italia le donne sono inattive prevalentemente per ragioni diverse da quelle familiari.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello globale i contagi hanno superato i 266,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 266.660.144. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: da oggi doppio tampone per i viaggiatori

Da oggi per chi viaggia nel Regno Unito (a partire dai 12 anni di età) entra in vigore il doppio tampone. Il test è da…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Austria: da lunedì stop a lockdown per i vaccinati

L’Austria conferma che da lunedì finirà il lockdown per i vaccinati e i guariti, mentre proseguirà per coloro che non si sono ancora sottoposti a…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Un tribunale egiziano ha ordinato la scarcerazione di Patrick Zaki

Patrick Zaki uscirà dal carcere. Lo ha deciso un tribunale egiziano. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, la scarcerazione dovrebbe avvenire tra questa sera…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia