Lʼattività economica nellʼEurozona, tra alti e bassi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lʼattività economica nellʼEurozona, tra alti e bassi

In calo lʼindice Pmi composito dellʼarea a causa anche del rallentamento dei servizi in Germania. Miglioramenti in Francia, ma settore manifatturiero resta in contrazione

mario_draghiRicapitolando, secondo la Banca centrale europea (Bce) la crescita economica nell’Eurozona prosegue a ritmi moderati e costanti, ma con rischi al ribasso. L’incremento annuo del Pil dovrebbe essere quest’anno dell’1,7%, dell’1,6% il prossimo, stesso ritmo nel 2018. Nel complesso, insomma, si nota la tenuta dell’area nonostante l’incertezza economica degli ultimi mesi.
Ma come va l’attività economica dell’Eurozona? L’indice Pmi composito registra a settembre un calo, da 52,9 punti a 52,6. Il valore si mantiene pertanto ampiamente in territorio positivo (al di sotto dei 50 punto l’indicatore marca una fase in contrazione), ma si colloca allo stesso tempo ai minimi da 20 mesi.
L’indice Pmi (Purchasing Managers Index) è un indicatore che rileva l’andamento dell’economia, osservando i risultati e le prospettive (su produzione, ordinativi, occupazione) di settori chiave dal lato delle aziende direttamente coinvolte. L’indice composito è una sintesi dell’attività manifatturiera e dei servizi.
A pesare sul rallentamento anche l’andamento dell’indice relativo ai servizi in Germania, in calo a 50,6 punti dal precedente dato di 51,7 (e al di sotto delle attese). In compenso migliora l’attività manifatturiera, salita a 54,3 punti dai 53,6 di agosto. In Germania l’indice composito si attesta pertanto a 52,7 punti, in ribasso sul mese precedente (53,3).
In sostanza il trend dell’attività economica si mostra ancora una volta altalenante. La ripresa c’è, ma appare fragile e l’occupazione non decolla. In generale l’indice Pmi manifatturiero per l’Eurozona registra una crescita a 52,6 punti da 51,7 di agosto, mentre quello dei servizi è calato a 52,1 da 52,8.
In Francia, invece, si evidenzia un rialzo non indifferente dopo un lungo periodo di alti e bassi. L’indice Pmi composito ha raggiunto i 53,3 punti, dai 51,9 di agosto. In particolare il settore dei servizi è aumentato a settembre a 54,1 da 52,3. Resta in contrazione – ma comunque in salita – il manifatturiero, a 49,5 punti.

 

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia