La produttività del lavoro tra il 1995 e il 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

La produttività del lavoro tra il 1995 e il 2015

Attraverso la misurazione di questo indicatore è possibile comprendere la capacità di un'economia di crescere
di Redazione

Quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’ISTAT – tra il 1995 e il 2015 la produttività del lavoro in Italia è cresciuta dello 0,3% medio annuo – è una performance al di sotto della media europea: nello stesso periodo, la crescita media registrata nell’UE è stata decisamente superiore (+1,6%).
La misurazione della produttività è importante perché permette di quantificare il contributo offerto nella produzione di un prodotto dai “fattori produttivi primari” (lavoro e capitale) e dalla “produttività totale dei fattori”.

worker

In particolare, poi, l’ISTAT sottolinea che la “produttività totale dei fattori” consente di misurare gli effetti del progresso tecnico e di altri fattori che incentivano la crescita economica (le innovazioni nel processo produttivo, i miglioramenti nell’organizzazione del lavoro e delle tecniche manageriali, i miglioramenti nell’esperienza e nel livello di istruzione raggiunto dalla forza lavoro…).
Tra il 1995 e il 2015, la produttività del lavoro – calcolata come il valore aggiunto per ora lavorata – è cresciuta mediamente dello 0,3% all’anno (nell’UE la crescita media annua è stata dell’1,6%), grazie agli incrementi medi del valore aggiunto (+0,5%) e delle ore lavorate (+0,2%).
Scendendo nel dettaglio, si scopre che tra il 2003 e il 2013 la produttività del lavoro è aumentata mediamente dello 0,2% all’anno, in un contesto economico caratterizzato da una tendenza alla discesa sia del valore aggiunto (-0,3%) sia delle ore lavorate (-0,5%). L’ISTAT rileva anche che – complice un aumento del valore aggiunto (+0,2%) e una diminuzione delle ore lavorate (-0,2%) – la produttività del lavoro è cresciuta dello 0,4% nel 2014, salvo poi tornare a diminuire (caso unico in Europa) l’anno successivo (-0,3%).
Nel periodo che va dal 1995 al 2015, la produttività del capitale – ovvero il rapporto tra il valore aggiunto e l’input di capitale – è diminuita mediamente dello 0,9% all’anno. L’ISTAT spiega che il calo è dovuto ad un aumento dell’input di capitale (+1,5%) superiore a quello del valore aggiunto (+0,5%).
Anche in questo caso l’ISTAT fa una distinzione tra il periodo compreso tra il 2003 e il 2013, durante il quale la produttività del capitale è diminuita in media d’anno dell’1,1%, e il biennio 2014-2015, durante il quale – complice una “significativa contrazione” dell’input di capitale (-1,3% e -1,0%) e un contemporaneo aumento del valore aggiunto (+0,2% e +0,9%) – la produttività del capitale è cresciuta in entrambi gli anni (+1,5 e +1,9%).
Infine la produttività totale dei fattori, calcolata come il rapporto tra l’indice di volume del valore aggiunto e l’indice di volume dei fattori primari (lavoro e capitale). Tra il 1995 e il 2015 la produttività totale dei fattori ha subìto una contrazione media annua dello 0,1%, dovuta a un incremento medio dello 0,5% del valore aggiunto e dello 0,6% dell’impiego complessivo di capitale e lavoro.
In particolare, la produttività totale dei fattori è cresciuta tanto nella fase recessiva (+0,8% medio annuo nel periodo 2009-2013) quanto nel biennio 2014-2015 (+0,7% e +0,4%). L’ISTAT osserva che, oltre a rappresentare un’inversione di tendenza rispetto ai periodi precedenti, questo andamento è riconducibile ad un miglioramento di efficienza dei processi produttivi.

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia