I giovani occupati valgono il 2,8% del Pil | T-Mag | il magazine di Tecnè

I giovani occupati valgono il 2,8% del Pil

Secondo un rapporto CENSIS-Confcooperativei giovani continuano ad offrire un contributo importante all'economia italiana, pari a 46,5 miliardi di euro
di Mirko Spadoni

La crisi economica ha avuto un impatto notevole sull’occupazione giovanile in Italia: nel 2007 gli occupati di età compresa tra i 15 e i 29 anni erano 3.758.000. Nove anni dopo erano diminuiti fino a toccare i 2,6 milioni di unità, pari all’11,7% degli occupati totali. Una riduzione consistente, anche considerando il contestuale calo della popolazione giovanile italiana, diminuita del 2,6% tra il 2007 e il 2015.

giovani_lavoro

Tuttavia, anche se numericamente inferiori rispetto al passato, i giovani lavoratori (autonomi e dipendenti) continuano ad offrire un contributo importante all’economia italiana: secondo un rapporto CENSIS-Confcooperative, Inventarsi il lavoro: i giovani che ce la fanno, valgono 46,5 miliardi di euro, pari al 2,8% del Prodotto interno lordo (PIL) italiano.
Il rapporto dedica particolare attenzione agli EET, acronimo inglese che sta per Employed-Educated and Trained e indica tutti quei giovani che sfruttano le competenze acquisite e guardano all’attività di impresa. Attualmente gli EET sono 175mila, la maggior parte dei quali è attivo nel Mezzogiorno: analizzando la distribuzione geografica, emerge che il 41,1% opera nel Sud e nelle Isole, mentre il resto si divide tra il Nord-Ovest (24,7%), Nord-Est (15,7%) e il Centro (18,5%) del Paese.
CENSIS e Confcooperative osservano che la riduzione dei titolari d’impresa in Italia registrato tra il 2009 e il 2016 (-6,8%) è stata particolarmente significativa tra gli imprenditori più giovani con un’età fino a 29 anni (-19,1%).
Il calo non ha coinvolto tutti, però: in alcuni settori, le imprese guidate dai giovani hanno fatto registrare un saldo positivo tra aperture e chiusure (servizi d’informazione e altri servizi informatici, servizi per edifici e paesaggio, servizi di ristorazione, attività di supporto per le funzioni d’ufficio e i servizi alle imprese…).
Pur sottolineando l’importanza degli EET, il rapporto ricorda che i NEET italiani – i giovani nella fascia d’età 15-29 che non studiano né lavorano – sono cresciuti molto negli ultimi anni: attualmente sono 2.349.000. Dunque in crescita rispetto al 2007, quando erano 1.788.000, ma in leggero calo rispetto al 2014 (-64.000 unità).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.341.755. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha ucciso 6,7 milioni di persone

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha causato la morte di 6,7 milioni di persone in tutto il mondo, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione,…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia