Il recupero incerto dell’industria italiana | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il recupero incerto dell’industria italiana

Battuta d'arresto su base congiunturale lo scorso mese, ma i valori tendenziali restano positivi
di Redazione

Che la situazione della nostra economia fosse ancora incerta, l’Istat ci aveva avvertiti alcuni giorni fa nella consueta nota mensile. Nelle attese a breve termine, infatti, non venivano prospettate particolari accelerazioni dell’attività economica, ancora in una fase altalenante e caratterizzata da un rallentamento dei consumi pur in presenza di un significativo aumento del potere d’acquisto delle famiglie.

industry-438428_1280Il dato al ribasso su base mensile rappresenta un freno al recupero dell’industria italiana

Mentre la Commissione europea taglia le stime di crescita del nostro paese (+0,7% per il 2016; +0,9% per il 2017), un contraccolpo si registra nella produzione industriale, che è – lo ricordiamo – indicatore importante per misurare il reale andamento dell’economia oltre che la capacità dell’industria in senso stretto.
Se la variazione annua si mantiene positiva (+1,8%), su base congiunturale il calo è stato dello 0,8% nel mese di settembre. E tale riduzione, registrata dopo due mesi di recupero ad un ritmo elevato (soprattutto ad agosto, quando l’incremento è stato dell’1,4), è la conferma della fase incerta che in Europa non riguarda esclusivamente l’Italia.
Anche la Germania, che a settembre ha evidenziato un ulteriore balzo in avanti della bilancia commerciale (esportazioni su a fronte di importazioni molto più contenute), ha subito un rallentamento non indifferente, dell’1,8% dopo la crescita di agosto (+3% rivisto).
Il dato al ribasso su base mensile rappresenta un freno al recupero dell’industria italiana, che tanto ha perso negli anni della crisi e che sta avanzando, in generale, a rilento. Le variazioni tendenziali, osservate per settori di attività economica, mostrano ad ogni modo andamenti positivi nell’ambito delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+10,2%, ma -1,7% nel confronto tra il periodo gennaio-settembre 2015 e gennaio-settembre 2016), dell’attività estrattiva (+6,8%) e della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+5,6%).
Allargando la prospettiva al trimestre, tuttavia, i livelli di produzione si mantengono su valori di sostanziale risalita nella media del trimestre luglio-settembre 2016. L’aumento, infatti, risulta essere dell’1,2% rispetto al trimestre precedente.

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia