L’Italia torna in deflazione. Perché non è un bene | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Italia torna in deflazione. Perché non è un bene

I dati Istat: l'indice nazionale diminuisce dello 0,1% su base mensile e dello 0,2% su base annua
di Redazione

Viene confermato dall’Istat il dietrofront nel mese di ottobre dell’indice dei prezzi al consumo, che mostra tendenze deflazionistiche dopo la (timida, tuttavia) risalita registrata a settembre (+0,1%). Un aspetto da non trascurare, considerate le ripercussioni che una fase di deflazione – soprattutto se prolungata – può avere su un’economia.

shopping-cart-1275482_1280

Sappiamo che è nelle prerogative della BCE (Banca centrale europea) conseguire un tasso di inflazione appena inferiore al 2% nell’Eurozona, eppure le recenti politiche monetarie espansive dell’istituto di Francoforte hanno faticato a dare i risultati sperati. La debolezza della domanda di beni e servizi, infatti, è la prima causa della deflazione, che porta i consumatori a rinviare gli acquisti in quanto l’abbassamento dei prezzi incentiva l’accumulo di liquidità nell’attesa che questi scendano ancora.
In altre parole, quella che si va ad innescare durante una tendenza deflazionistica è una spirale negativa i cui effetti possono definirsi deprimenti con conseguenze (negative) sull’intera economia, produzione, occupazione e consumi in particolare.
Dai dati Istat emerge che l’indice dei prezzi al consumo diminuisce dello 0,1% su base mensile e dello 0,2% su base annua (mentre la stima preliminare era -0,1%): “La flessione tendenziale dell’indice generale continua a essere determinata dai Beni energetici il cui calo si accentua lievemente (-3,6% dal -3,4% di settembre) per effetto di una più intensa flessione dei prezzi di quelli regolamentati (-6%, era -3,8% a settembre) e di un parziale rientro della contrazione dei Beni energetici non regolamentati (-0,9%, da -2,7% del mese precedente)”.
Cosa preoccupa, soprattutto, al netto dei risultati in definitiva positivi registrati a settembre, in Italia e nell’Eurozona? Una prima risposta l’Istituto nazionale di statistica l’aveva data nella consueta nota mensile sull’andamento dell’economia.
Le pressioni deflative, spiegava, continuano a provenire dalle componenti maggiormente volatili. Quest’ultime riguardano ad esempio i beni energetici e gli alimentari. Sono soprattutto gli energetici, come si è visto, a rappresentare un freno all’inflazione, ma le preoccupazioni maggiori risiedono nella decelerazione osservata nell’inflazione di fondo (al netto, cioè, delle componenti più volatili), vicina allo zero.
Le banche centrali decidono le misure di politica monetaria sulla base delle stime dell’inflazione attesa. Nell’Eurozona, dove a lungo si sono osservati livelli piuttosto bassi, l’andamento è ora in rialzo, +,05% tendenziale a ottobre (lo scopo del quantitative easing, il programma di acquisti di titoli di Stato della Bce, è proprio questo: stabilizzare i prezzi e riportarli su valori prossimi al 2%). Al contrario l’inflazione acquisita per il 2016 dell’Italia risulta pari a -0,1%, confermando così la prolungata fase deflazionistica che sta interessando il nostro paese.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, la Bce ha lasciato i tassi di interesse invariati

La BCE, la Banca centrale europea, ha lasciato invariati i tassi d’interesse. Lo ha reso noto la BCE dopo la riunione di politica monetaria. Il…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel terzo trimestre il Pil è cresciuto del 33,1%

Nel terzo trimestre 2020, il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 33,1%. Lo ha reso noto il Dipartimento del Commercio statunitense. Si…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: riattivato stato di emergenza attentati

La Francia ha riattivato lo stato d’emergenza relativo agli attentati, secondo  quanto riporta il sito internet di radio Europe 1. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: attentato a Nizza nella cattedrale di Notre Dame

Un nuovo attentato in Francia, stavolta a Nizza. Viene riferito di un assalto con coltello avvenuto questa mattina, intorno alle 9, nella cattedrale Notre Dame…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia