Export in calo, ma resta componente più dinamica | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export in calo, ma resta componente più dinamica

Commercio estero in calo a settembre importazioni, soprattutto verso mercati Ue. La flessione del commercio internazionale nel 2016 è marcata, ma è prevista una risalita
di Redazione

Le esportazioni verso la Cina (+23,3%), il Giappone (+18,2%) e gli Stati Uniti (+11,1%) hanno registrato “un marcato incremento tendenziale” a settembre 2016, riferisce l’Istat. Mentre si è osservata la diminuzione delle vendite verso paesi OPEC (-10,9%) e Belgio (-10,5%). Il commercio con l’estero dell’Italia mostra però diminuzione per entrambi i flussi, importazioni ed esportazioni.

container

A settembre 2016, spiega l’Istat, la flessione è stata più evidente per le importazioni (-4,5%) che per le esportazioni (-1,6%). Il calo di settembre è avvenuto dopo gli incrementi del mese precedente, soprattutto per gli acquisti dall’estero. La diminuzione congiunturale dell’export deriva principalmente dalle vendite verso i mercati Ue (-3,3%), in aumento invece quelle verso l’area extra Ue (+0,5%).
In generale l’export ha registrato delle lievi flessioni, almeno rispetto al recente passato quando rappresentava il maggiore contributo alla crescita e compensava la debolezza della domanda interna. Ma il problema non è certo solo italiano. Un rapporto ICE-Prometeia dedicato al tema osserva come il 2016 sia destinato “a essere ricordato come un punto di minimo nella storia del commercio internazionale”.
I motivi sono diversi: la frenata degli emergenti, la minor spinta delle filiere globali, un ciclo degli investimenti debole, fattori accidentali e derive protezionistiche. Tutto ciò ha ridotto la stima sulla crescita degli scambi mondiali all’1,7% su base annua, il punto più basso dal 2009. Tuttavia, nel periodo 2017-2018, si stima un’accelerazione degli scambi mondiali e una conseguente crescita del commercio di manufatti con tassi del 3% e del 4,7% su base annua, inferiori alla media storica, ma oltre il Pil mondiale.
Nonostante la fase attuale caratterizzata dall’incertezza e da un conseguente rallentamento, l’export resta una delle componenti più dinamiche del Pil italiano. Ad esempio, tra i grandi importatori di manufatti italiani, Germania, Stati Uniti ed Emirati “offrono nel triennio 2016-2019 le condizioni di domanda più favorevoli” mentre per la Cina si prevede una ripartenza nel 2017.

 

Scrivi una replica

News

Ue, Gentiloni: «La crisi non è alle nostre spalle»

«La crisi non è alle nostre spalle». Lo ha detto il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, intervenendo in occasione del Foro di dialogo Italia-Spagna. «La velocità…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, De Luca: «Da venerdì in Campania coprifuoco alle 23»

«Ci prepariamo a chiedere in giornata il coprifuoco. Il blocco di tutte attività e della mobilità da questo fine settimana in poi». Lo ha reso…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2020, nuove regole per l’ultimo dibattito Trump-Biden

Nel corso del dibattito televisivo tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump e Joe Biden, in programma giovedì – l’ultimo prima…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «Le prime dosi di vaccino potrebbero essere disponibili a inizio dicembre»

Le prime dosi del vaccino contro il coronavirus potrebbero essere «disponibili all’inizio di dicembre» 2020. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a…

20 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia