Oltre un milione le imprese under 40 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Oltre un milione le imprese under 40

Un contributo rilevante arriva dai giovani con meno di 35 anni che complessivamente hanno dato vita a circa 600mila aziende
di Redazione

Il contributo dell’imprenditoria giovanile italiana è stato osservato in più occasioni e da diversi studi. L’ultima analisi della Coldiretti ne sottolinea invece l’unicità a livello europeo.

impresa giovanile

In nessun Paese dell’Unione europea si registra un numero di imprese guidate da un under 40 superiore a quello rilevato in Italia: gli italiani con meno di 40 anni a capo di un’impresa sono 1.155.000 contro i 990.100 del Regno Unito, i 988.200 della Polonia, i 902.200 della Romania e i 691.100 della Spagna. In Germania, economia traino dell’intera Unione, la quota supera appena le 511mila unità. Quelle italiane rappresentano così una porzione non indifferente del totale delle imprese under 40 attive nell’UE, pari a 24.889.700.
Un contributo rilevante a questa performance arriva dagli under 35. I dati Movimprese certificano che le loro imprese – in Italia le aziende condotte da chi ha meno di 35 anni sono 600mila circa – rappresentano il 9,8% di quelle presenti nel nostro. Una percentuale che diventa ancora più consistente se si considerano soltanto le imprese aperte nei primi nove mesi del 2016: in questo caso la quota raggiunge il 31,4%. Dall’inizio dell’anno, infatti, i giovani under 35 hanno creato circa 90mila imprese mentre quasi 40mila, nello stesso periodo, hanno chiuso i battenti con un saldo quindi in crescita di circa 50mila unità. Detto altrimenti, i giovani under 35 hanno dato vita a 325 imprese al giorno. Nel farlo, la maggior parte hanno scelto il Mezzogiorno (34.334 unità) e il Nord Ovest (21.611). Mentre nel Centro e nel Nord Est del Paese le nuove imprese non superano le 20mila unità e si fermano rispettivamente a quota 18.064 e 13.937.
Una parte delle imprese under 35, registrate a fine settembre, è attivo nel commercio (29%), nelle Costruzioni (14%) e nelle Attività dei servizi di alloggio e ristorazione (10%). Fra i settori ad alto valore aggiunto spiccano le Telecomunicazioni, in cui oltre la metà delle imprese fondate tra gennaio e settembre 2016 è riconducibile ai giovani.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Ecdc: in Belgio più alto tasso di contagi

Secondo quanto calcolato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), è il Belgio il paese ad avere ora il più…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, sciopero di 24 ore dei medici

La situazione legata alla gestione della pandemia in Spagna non registra ancora miglioramenti e i medici spagnoli hanno indetto uno sciopero di 24 ore per…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, confermata dal Senato la nomina di Barrett alla Corte Suprema

Il Senato ha confermato la nomina della giudice Amy Coney Barrett alla Corte Suprema (Barrett ha giurato nella notte). Un via libera che ora porta…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, un eventuale lockdown a Natale brucerebbe 25 miliardi di spesa delle famiglie

Un eventuale lockdown nel periodo delle feste natalizie brucerebbe 25 miliardi di spesa delle famiglie. La stima è contenuta nel Rapporto Censis-Confimprese Il valore sociale…

27 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia