Il ciclo di vita lavorativo in Italia è tra i più corti in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il ciclo di vita lavorativo in Italia è tra i più corti in Europa

Tra i fattori che incidono anche la permanenza o l'accesso al mercato del lavoro
di Redazione

In attesa dei nuovi dati su occupati e disoccupati dell’Istat, il mercato del lavoro italiano (sebbene in miglioramento rispetto agli anni più duri della crisi) continua a mostrare dei ritardi “accessori”, a conferma di uno stato di salute ancora poco convincente. La recente indagine dell’Eurostat sul ciclo di vita lavorativo è un esempio che va in questa direzione.

workers-659885_1280

A settembre l’Italia è stato il paese che ha registrato il maggior aumento della disoccupazione (+0,2%) al cospetto di un livello medio nell’area Ocse rimasto stabile, al 6,3%. Ma contestualmente è stato rilevato un aumento dell’occupazione a fronte di un calo importante degli inattivi: non necessariamente una cattiva notizia, quindi.
Ma in generale quelle che restano le categorie più distanti dal mercato del lavoro, entrando così nell’area dell’inattività (molte persone si trovano nella cosiddetta “zona grigia”, cioè classificate come inattive perché non in cerca ma che potrebbero risultare impiegabili), rappresentano un problema di non poco conto. Il ciclo di vita lavorativo italiano, afferma l’Eurostat, è il più corto in Europa.
In Italia si lavora in media 30 anni e sette mesi, quando la media europea è di 35 anni e quattro mesi. Tra il 2005 e il 2015 la vita lavorativa si è allungata un po’ ovunque, anche in Italia (di poco più di un anno), ma da noi meno che nel resto dell’Unione europea. Allargando il panorama, emergono due velocità nel Vecchio continente: in Germania, Regno Unito e paesi scandinavi si lavora di più; in paesi come Bulgaria, Croazia Grecia, Italia, Romania e Ungheria il ciclo di vita lavorativa non è altrettanto longevo.
Non si tratta di una questione legata esclusivamente alle politiche pensionistiche, però. Dunque concorrono altri fattori quali la permanenza o l’accesso al mercato del lavoro. Variabili che hanno interessato (e interessano) l’Italia da molto tempo e in particolare proprio negli anni della crisi.
Nel nostro paese, ad esempio, si è registrata l’anno scorso una diminuzione della quota dei giovani che lavorano a quattro anni dal diploma. Oppure pesano i molti casi di disoccupazione di lunga durata (quella condizione che coinvolge le persone in cerca di impiego da almeno 12 mesi).
Il numero dei senza lavoro di lungo periodo è lievitato negli anni scorsi, tuttavia cominciando a mostrare una diminuzione nel terzo trimestre 2015, dopo l’aumento ininterrotto dal 2008 al 2014. Nel secondo trimestre del 2016 l’Istat ha stimato a 1 milione 758 mila il numero di persone in cerca di occupazione da almeno 12 mesi (-87 mila su base tendenziale), la cui incidenza sul totale dei disoccupati cala al 58,7%, -0,7 punti in un anno.
Un’assenza prolungata dal mercato del lavoro contribuisce così alla minore aspettativa di vita lavorativa in Italia rispetto alla media europea. Un altro aspetto non trascurabile in questo senso è la differenza tra la componente maschile e quella femminile, con la prima che si attesta a 35,4 anni e la seconda a 25,7.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: in Lombardia, da giovedì coprifuoco dalle 23 alle 5

Coprifuoco dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 22 ottobre, in Lombardia. Lo prevede l’ordinanza emanata oggi firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza,…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 9 milioni di download per Immuni

Oltre 9 milioni di download per Immuni, l’applicazione di tracciamento dei contatti per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha reso noto Immuni attraverso un…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, ogni anno l’inquinamento atmosferico costa oltre 1.500 euro procapite

Oltre 1.500 euro. Questo è il costo procapite annuo dell’inquinamento per gli italiani. A stimarlo è uno studio realizzato dall’Epha, l’Alleanza europea per la salute…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mattarella: «Cure e vaccini disponibili per tutta la popolazione mondiale»

«Le cure e i vaccini» contro il coronavirus «siano disponibili per tutti in tutto il mondo». Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella,…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia