Il contributo delle multinazionali estere in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo delle multinazionali estere in Italia

Le imprese a controllo estero in Italia danno lavoro a 1,2 milioni di persone, contribuendo per il 7,6% al numero degli occupati nei settori dei servizi e dell’industria.
di Redazione

Nel corso del 2014 il numero delle imprese a controllo estero in Italia è aumentato del 3% rispetto all’anno precedente, comportando un aumento marcato del numero degli addetti e contribuendo positivamente sia al settore dell’industria che a quello dei servizi.

multinazionali

Secondo le ultime rilevazioni dell’Istat, infatti, le controllate estere in Italia sono 13.569 (contro le 22.388 controllate italiane all’estero) e danno lavoro a 1,2 milioni di persone, un numero in crescita del 4,7%. Buoni risultati hanno interessato anche il fatturato (che al netto delle attività finanziarie e assicurative cresce del 6,2% a 524 miliardi di euro) e il valore aggiunto (+5,1% a 97 miliardi di euro).
Bene anche gli investimenti che, grazie ad una crescita tendenziale del 9,1%, arrivano a toccare i 12 miliardi di euro nel 2014. Solo la voce “Ricerca e Sviluppo” è stata interessata da un +10,6% attestandosi a tre miliardi di euro.
Osservando il contributo delle multinazionali estere in Italia ai principali settori di attività economica, risulta che le imprese a controllo estero occupano il 7,6% degli addetti di industria e servizi, garantiscono il 17,8% del fatturato totale dei due comparti, il 14,1% del valore aggiunto e il 14,6% degli investimenti. Notevole anche la quota sul totale delle esportazioni: 27,4%. In particolare le controllate estere attive in Italia nel settore dei servizi sono 9.600 (il 7,1% delle attività del settore) e quattromila quelle attive nell’industria (l’8,5% del totale).
Entrando ancor più nel dettaglio, dalle rilevazioni emerge un notevole contributo occupazione nelle industrie per la fabbricazione di prodotti farmaceutici (il 53% degli addetti dell’intero settore) e in quelle per la fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (con una quota del 39,9%) e nella fabbricazione di prodotti chimici (con il 30,6% del totale degli occupati del comparto).
Più limitata, invece, la presenza di occupati delle controllate estere nei settori tradizionali del Made in Italy. Nelle industrie del legno e dei prodotti in legno gli occupati delle multinazionali estere sono solo lo 0,4% degli addetti totali del comparto. Di bassa entità anche la quota registrata nelle industrie della fabbricazione di mobili (1,6%) e nelle industrie tessili (il 4,6%).

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, la Bce ha lasciato i tassi di interesse invariati

La BCE, la Banca centrale europea, ha lasciato invariati i tassi d’interesse. Lo ha reso noto la BCE dopo la riunione di politica monetaria. Il…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel terzo trimestre il Pil è cresciuto del 33,1%

Nel terzo trimestre 2020, il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 33,1%. Lo ha reso noto il Dipartimento del Commercio statunitense. Si…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: riattivato stato di emergenza attentati

La Francia ha riattivato lo stato d’emergenza relativo agli attentati, secondo  quanto riporta il sito internet di radio Europe 1. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: attentato a Nizza nella cattedrale di Notre Dame

Un nuovo attentato in Francia, stavolta a Nizza. Viene riferito di un assalto con coltello avvenuto questa mattina, intorno alle 9, nella cattedrale Notre Dame…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia