Startup: investimenti in crescita nel 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Startup: investimenti in crescita nel 2016

Includendo nel computo anche i finanziamenti sottoscritti da soggetti internazionali, gli investimenti complessivi raggiungono i 217 milioni di euro
di Redazione

L’ultima edizione dell’Osservatorio Startup Hi-tech promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Italia Startup – l’Associazione dell’ecosistema startup italiano – rileva che nel 2016 gli investimenti verso le startup italiane sono cresciuti rispetto all’anno precedente.

seminar-594125_1280

Gli investimenti in capitale equity hanno raggiunto il valore complessivo di 182 milioni di euro (+24% su base annua). Una crescita consistente e incentivata anche dall’aumento degli investimenti istituzionali (inclusi i corporate venture capital) che hanno superato i 100 milioni di euro (+33% rispetto all’anno precedente). Includendo nel computo anche i finanziamenti sottoscritti da soggetti internazionali – 35 milioni di euro, secondo le stime della ricerca –, gli investimenti complessivi raggiungono i 217 milioni di euro.
Le zone d’ombra non mancano, purtroppo: l’Osservatorio sottolinea che il contributo dei venture capital è ancora limitato. Specialmente nel confronto con quanto accade in Francia e Germania, dove i venture capital sono rispettivamente sei e sette volte superiori a quelli italiani.
Le startup, che hanno beneficiato degli investimenti, sono state 90 (nel 2014 furono 79), la maggior parte delle quali è attiva nel Nord Italia: il 58% dei finanziamenti totali è riconducibile a startup settentrionali. Mentre la crescita dell’incidenza degli investimenti effettuati nel Mezzogiorno (dal 30% del 2014 si è passati al 36% del 2015) non è stata accompagnata da un aumento del numero di nuove imprese finanziate. Le startup, che hanno beneficiato degli investimenti, hanno visto crescere tanto il fatturato (247 milioni di euro, +34% rispetto al 2014) quanto il numero dei dipendenti assunti (2.420 unità, +55%).
Quella delle startup innovative è una presenza sempre più consistente nel tessuto imprenditoriale italiano. Gli ultimi dati del ministero dello Sviluppo economico (MISE) e Unioncamere sottolineano che, a fine settembre 2016, le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese erano 6.363. Ovvero 420 unità in più rispetto alla fine di giugno (+7,07%).
Sotto il profilo occupazionale – le statistiche più recenti sono aggiornate alla fine giugno –, le startup innovative con almeno un dipendente sono 2.593 (+237 rispetto a marzo) e danno un lavoro a 9.042 addetti (+849 unità).

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia